Non ci sono gli “interessi” giusti per liberare il popolo siriano COMMENTA  

Non ci sono gli “interessi” giusti per liberare il popolo siriano COMMENTA  

La Siria non è l’Iraq. Non c’è tutto quel petrolio da rubare mascherando il tutto con una finta ricerca di armi di distruzione di massa. Appunto, non ne parla nessuno. Dove sono le armi dal potenziale distruttivo altissimo di Saddam Hussein ? E’ evidente che quelle armi non c’erano e non ci sono nemmeno oggi. Il dittatore iracheno era peggio di un cane, su questo non ci sono dubbi, ma forse era meglio attaccare per liberare i suoi oppositori piuttosto che attaccare raccontando frottole stratosferiche. E’ palesemente ridicolo il modo in cui le nazioni si muovano solo in base ai loro interessi economici. Il petrolio in Iraq e il gas in Libia.

Leggi anche: Gas sarin contro l’Isis a Damasco


Dall’altra parte oggi però c’è un popolo che davvero non può difendersi da solo, il popolo siriano. Il regime di Assad ormai da mesi compie azioni da macellaio contro i suoi oppositori ma nessuno se ne cura. Stanno tutti alla finestra, nessuno parla e nessuno si muove.


Un popolo ha il sacrosanto diritto di conquistarsi la democrazia, ma questa ricerca va sostenuta e difesa. A differenza degli “interessi” economici lottare per liberare veramente uno Stato oppresso è un’azione nobile.


Leggi anche

martello
Torino

Tragedia a Torino: uccide la moglie con un martello prima di impiccarsi

Un uomo di 69 anni ha ucciso la moglie 72enne con un martello, poi si è suicidato. All'origine del gesto, un debito contratto all'insaputa della famiglia. Un cruento omicidio-suicidio scaturito da un dramma della povertà: è quanto avvenuto, con ogni probabilità nella notte tra il 20 e il 21 ottobre, a Torino, nel quartiere Santa Rita. Le vittime sono Natalina Montanaro, 72 anni, e Francesco Tonda, 69, che vivevano da soli in un appartamento in Corso Orbassano 376: a scoprire i cadaveri, nelle prime ore della mattinata, il figlio della coppia, allarmato da alcuni SMS inviatigli dal padre. È stato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*