Non si trovano ancora Giuseppe e Maria COMMENTA  

Non si trovano ancora Giuseppe e Maria COMMENTA  

Non si hanno ancora tracce per i due pugliesi dispersi in seguito al naufragio dello scorso sabato della nave da crociera Costa Concordia nell’isola del Giglio.


Sull’isola è giunta la mamma di Giuseppe Girolamo, il ragazzo di 30 anni di Alberobello, che lavorava per la Costa crociere come musicista.

Il ragazzo con barba e baffi, folta chioma indomabile, soprannominato Satomi, come il batterista del cartone animato «Kiss me Licia» è molto conosciuto per il suo lavoro di musicista nella provincia barese.


La donna  sta girando in lungo e in largo l’isola per esortare la popolazione a ricercare il ragazzo, aggrappandosi alla speranza di riabbracciarlo.

Giuseppe dai primi giorni di dicembre era il batterista del gruppo Dee Dee Smith che si esibiva sulla nave e al momento dell’incidente contro lo scoglio probabilmente stava suonando in una delle tante sale della Concordia e nella confusione d’emergenza creatasi un suo collega lo ha visto scendere proprio da una delle scialuppe di salvataggio per cedere il suo posto ad un bambino e in seguito è stato visto con il giubbotto di salvataggio molto teso in volto.


Su Facebook numerosi sono i contatti e i gruppi che sperano di avere notizie di Giuseppe, con tutto l’auspicio per la sua famiglia e la sua fidanzata di Putignano e di tutta la provincia barese di vederlo tornare a casa e magari continuare a suonare la sua batteria.

L'articolo prosegue subito dopo


Purtroppo non si hanno notizie neanche di Maria D’introna, giovane sposa di Corato, recentemente trasferitasi a Biella.

Le ricerche continuano anche tra i feriti negli ospedali per ritrovare la donna. Il marito della donna cerca un soccorso e un aiuto con tutti i mezzi  aggrappato all’unica notizia che per ora ha ricevuto dopo i soccorsi: «Un responsabile dei soccorsi ha detto che se non è scesa dalla nave, le possibilità di trovarla viva non ci sarebbero più.  Aiutatemi a cercarla», continua a ripetere l’uomo disperato.

Con l’augurio che la speranza faccia il suo corso…

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*