Nonostante la crisi ci sono aziende che faticano a trovare lavoratori da assumere: ecco cosa è successo in Germania

Lavoro

Nonostante la crisi ci sono aziende che faticano a trovare lavoratori da assumere: ecco cosa è successo in Germania


E’ stato difficile per le aziende di una città tedesca, situata nella regione del Baden-Württemberg, reclutare lavoratori qualificati da assumere. Si tratta della città di Schwäbisch Hall, a circa sessanta chilometri da Stoccarda, con 37 mila abitanti. Le aziende della città avevano bisogno di nuovi lavoratori molto qualificati, ma né tra gli abitanti delle zone limitrofe, né tra i connazionali del resto della Germania è stato possibile reclutare laoratori. Nonostante le campage pubblicitarie, la partecipazione a fiere e annunci pubblicati ovunque nessun tedesco ha manifestato interesse per i posti di lavoro offerti, così che il sindaco della città si è rivolto alla stampa straniera, invitando giornalisti portoghesi, italiani, spagnoli e greci (quelli dei Paesi in più profonda crisi eonomica e di lavoro) per una visita di tre giorni. Poi sono stati pubblicati i primi articoli sulle testate giornalistiche straniere e sono arrivate domande di lavoro a pioggia. Molto efficace è stato l’articolo pubblicato sul giornale portoghese “Diàrio Econòmico” in conseguenza del quale sono perventute a Schwäbisch Hall 10 mila candidature e a mandarle sono stati lavoratori portoghesi con le qualifiche più diverse, compresi medici, architetti, manager, informatici.

L’agenzia del lavoro locale e le aziende stanno esaminando e rispondendo alle moltitudine di richieste dando preferenza, nella preselezione, a chi è disoccupato. Il principale problema riscontrato tra le candidature pervenute è la scarsa conoscenza della lingua tedesca, questione non di poca rilevanza poiché si tratta di settori lavorativi, come l’artigianato, l’assistenza agli anziani e ai disabili, che invece richiedono conoscenza anche tecnica della lingua tedesca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche