Nuova linea metro M4 approvata dal Comune di Milano COMMENTA  

Nuova linea metro M4 approvata dal Comune di Milano COMMENTA  

M4 Milano – ATI Pizzarotti

E’ arrivata venerdì 28 novembre la decisione della Giunta comunale di Milano che riguarda la metro M4: è stata approvata la delibera sulle “linee di indirizzo per la stipula della convenzione di concessione e per gli ulteriori adempimenti contrattuali necessari alla prosecuzione del progetto di realizzazione e gestione della Linea 4 della metropolitana di Milano”.

Insomma, il progetto della linea 4, sarà continuato.


Si tratta di una decisione importante secondo l’assessore alla mobilità Pierfrancesco Maran, perchè la linea 4 della metro collegherà importanti quartieri di Milano con il centro della città, oltre che con l’aeroporto di Linate. Sono previste insomma 21 stazioni che copriranno un percorso di 15 chilometri. Si stima inoltre che i passeggeri che si serviranno della linea 4 saranno circa 86 milioni l’anno.


Ma l’utilità della continuazione del progetto riguarda anche il tasso di disoccupazione, dato che saranno creati almeno 2 mila nuovi posti di lavoro grazie alla nuova linea.


Le negoziazioni, autorizzate dalla precedente delibera di Giunta (n. 1893 del 2014), tra Comune e soci privati hanno riconosciuto i seguenti punti:
– rinuncia integrale alle riserve da parte di SP (Società di Progetto) M4 trascritte fino alla data di sottoscrizione della Convenzione di Concessione;
– il servizio sostitutivo di trasporto pubblico locale Linate – Forlanini FS sarà a carico della SPV (Società di Costruzione) M4 a titolo di sponsorizzazione finanziaria;
– rimodulazione del crono programma generale dei lavori a 88 mesi senza ulteriori costi per l’Amministrazione dovuti ad andamento anomalo dei lavori (nessun cantiere nella Cerchia dei Bastioni durante il semestre di Expo), fatti salvi i soli costi economici e finanziari direttamente attribuibili alla ridefinizione del crono programma stesso e alla maggiore durata dei lavori, stimati rispettivamente in 11 milioni circa ed 48,7 milioni circa.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*