Nuove disposizioni per lo scostamento dagli studi di settore - Notizie.it
Nuove disposizioni per lo scostamento dagli studi di settore
Aziende

Nuove disposizioni per lo scostamento dagli studi di settore


Il decreto sulla semplificazione, finalizzato a semplificare gli adempimenti sui contribuenti, ha disposto una nuova norma in riferimento alla possibilità di effettuare l’accertamento induttivo anche nell’ipotesi di omessa o infedele indicazione dei dati previsti dallo studio di settore e nel caso di indicazione di cause di esclusione/inapplicabilità degli studi di settore non sussistenti.
Il Fisco procedeva all’accertamento induttivo quando l’errore di compilazione aveva determinato lo scostamento significativo superiore al 10% del reddito. Sulla base della nuova formulazione nelle ipotesi di omessa presentazione del modello studi di settore o di presentazione dello stesso con dati errati o falsi che comporti una differenza di ricavi superiore al 15% o a 50mila euro, l’amministrazione finanziaria potrà ricorrere all’accertamento induttivo nei confronti del contribuente. E’ stato prorogato dal 30 marzo al 30 aprile il termine per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale degli studi di settore valevoli per il periodo d’imposta 2011.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

aprire partita Iva
Economia

Quando conviene aprire partita Iva

di Notizie

Aprire o non aprire partita Iva? Se questo è il dilemma che vi tormenta, ecco una guida veloce per cercare di districarvi nel mondo delle prestazioni occasionali.