Nuovi serramenti per la casa, piccola guida

Arredamento

Nuovi serramenti per la casa, piccola guida

La scelta del serramento tra le numerose offerte del mercato è piuttosto complessa. Cambiano i materiali, le caratteristiche prestazionali in termini di isolamento da freddo e rumore, la resistenza agli agenti atmosferici, l’estetica, la luminosità e, ovviamente, i costi.

A monte della scelta deve esserci quindi un’attenta riflessione di quanto ci occorra per migliorare la qualità della vita nei nostri ambienti domestici o di lavoro. La migliore soluzione non esiste in termini assoluti, dipendendo in gran parte da ciò che c’è dentro, ovvero dall’ambiente interno, e da ciò che c’è fuori, ovvero l’ambiente verso il quale poniamo il filtro serramento.

Premesso questo, cosa ci offre oggi il mercato?

Ai serramenti tradizionali in legno si sono affiancati negli anni quelli in metallo e in seguito i serramenti in PVC.

I serramenti in legno sono quelli che meglio si adattano alle più svariate situazioni e sono anche la categoria rappresentativa nel greenbuilding.

Si sono evoluti con l’impiego del legno lamellare e con l’utilizzo di vetrocamera per le superfici trasparenti.

Sono attualmente a taglio termico, ovvero in grado di offrire alte prestazioni in termini di isolamento da avverse condizioni climatiche. Per la loro peculiatità estetica e per le tecniche tradizionali sono i serramenti generalmente impiegabili ancora oggi anche nei centri storici e nei paesaggi tutelati.

Il serramento in metallo, generalmente ferro o alluminio, offrono molta resistenza ad ambienti fortementi inquinanti. Anche l’impiego di questi materiali è ormai divenuto tradizione. Una novità si prospetta con l’impiego dell’acciaio inox che offre strutture molto brillanti e la possibilità di collocare ampie superfici finestrate su telai di dimensione contenuta e poco invasivi. Interessante anche l’arrivo di persiane blindate in inox o variamente verniciate.

Il serramento in PVC non occupa una grande fetta di mercato e non è genaralmente utilizzato in contetsi storici. Questo tipo di infisso viene scelto perchè, oltre ad essere meno costoso di altri, è leggero, non è soggetto alla formazione di condensa e richiede una manutenzione quasi nulla.

A queste caratteristiche nei prodotti oggi sul mercato si affiancano un buon isolamento termico e acustico grazie al miglioramento delle tecnologie di fabbricazione delle guarnizioni e dei telai.

E’ inoltre un materiale ignifugo.

In aggiunta alla struttura del serramento il mercato offre anche diverse tipologie di superficie trasparente, vale a dire che i vetri non sono tutti uguali. La superficie trattata con speciali pellicole offre infatti la possibilità di veder diminuire la quantità di luce e di calore che attraversano il serramento ovvero di fornire un minimo di protezione dal sole anche in assenza di metodi oscuranti o quando questi sono aperti o sollevati.

Se siamo particolarmente vicino ai temi del vivere sano troveremo nel mercato della bioedilizia un tema interessante: l’impiego di colle e di vernici che non rilasciando sostanze tossiche per la salute umana.

Se oltre a questo siamo impegnati da un punto di vista ambientale potremo investire su serramenti con caratteristiche eccellenti di isolamento termico che oltre a diminuire fortemente i nostri consumi di riscaldamento e climatizazzione faranno di noi dei cittadini responsabili verso l’ambiente visto il minor consumo di energie non rinnovabili ed inquinanti.

Si tratta di piccoli apporti ma se nella scelta del serramento tutto questo viene valutato l’ambiente interno ne trarrà un buon miglioramento.

1 Commento su Nuovi serramenti per la casa, piccola guida

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche