Nuovo investimento per Barilla

Aziende

Nuovo investimento per Barilla

Un nuovo stabilimento dedicato ai sughi pronti con un investimento sul core business di oltre 40 milioni di euro.
Barilla ha inaugurato pochi giorni fa il nuovo stabilimento sughi a Rubbiano di Solignano, a pochi chilometri da Parma, con una cerimonia importante. Nonostante il difficile contesto economico, il Gruppo conferma il forte legame con il territorio e l’impegno nei confronti del Paese.

Leader nel mercato dei sughi pronti in Italia e in Europa, Barilla è entrata in questo business oltre 40 anni fa, producendo nel corso degli anni in collaborazione con partner esterni. L’apertura di un nuovo stabilimento dedicato a questa categoria rappresenta una scelta importante, coerente con la strategia del Gruppo di concentrarsi sul proprio core business. Barilla vuole focalizzare le risorse per crescere nel primo piatto all’italiana nel mondo e sostenere i prodotti da forno che portano i suoi marchi in Italia e nei principali Paesi europei.

Lo stabilimento, che a regime darà lavoro a 120 persone, produce 35.000 tonnellate di sughi all’anno e ha un potenziale di sviluppo sino a 60.000 tonnellate.

Circa l’80% dell’indotto dello stabilimento è italiano, come lo sono la maggior parte delle materie prime utilizzate. Tra queste, il pomodoro e il basilico – ingredienti principali – sono al 100% italiani, cresciuti nei campi a pochi chilometri da Rubbiano.

“Il nuovo stabilimento sughi di Rubbiano è la dimostrazione che è possibile investire sulla qualità in Italia con un’ottica internazionale,” ha detto Guido Barilla, presidente del Gruppo. “Se da un lato gli ingredienti, la ricetta, la tecnologia e il “Saper-Fare” sono italiani, l’obiettivo è di crescere sui mercati esteri e portare in tutto il mondo il gusto dell’autentica cucina italiana.”

Lo stabilimento produrrà quotidianamente circa 150 tonnellate di sughi a base di pomodoro e 50 tonnellate di pesti. La tecnologia all’avanguardia consente un trattamento delicato delle materie prime capace di preservarne il colore, la freschezza e il sapore, senza l’utilizzo di alcun conservante. Nel complesso, Rubbiano produrrà 24 ricette a marchio Barilla. L’impianto è stato progettato interamente dagli esperti Barilla, seguendo i più alti standard tecnologici, di sicurezza del prodotto e delle persone, e sarà uno degli stabilimenti di sughi più produttivi al mondo.

In linea con l’impegno di Barilla per la sostenibilità ambientale, il sito produrrà il 32% in meno di CO2 e consumerà il 47% in meno di risorse idriche rispetto ad impianti analoghi.

“Rubbiano è un modello all’avanguardia di design, tecnologia e sicurezza. Siamo molto fieri di questo risultato e oggi vogliamo ringraziare tutte le persone, i collaboratori Barilla e i partner esterni che hanno reso possibile tutto questo,” ha concluso il Presidente Guido Barilla.

Una scelta sicuramente positiva, a tutela del Made in Italy, volta a salvaguardare il territorio e le sue tradizioni.

Una più ampia descrizione è riportata all’interno del sito Barilla.it.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...