Nuovo Museo Egizio a Torino

News

Nuovo Museo Egizio a Torino

Ieri è stato il giorno per l’apertura del Museo Egizio a Torino. Ci sono voluti ben tre anni di lavori per portare avanti questo progetto, si dicono contenti il sindaco di Torino ed il ministro ai beni culturali. Il nuovo museo ha raddoppiato la sua area precedente, inoltre è completamente rinnovato in ogni sua parte anche nel logo.

Questo museo diventa un museo di rilevanza internazionale. Il ministro Franceschini ha dichiarato che quando visitò il museo mentre erano ancora in corso i lavori non credeva che si potesse arrivare alla conclusione dello stesso per il primo di Aprile 2015. Nel museo ci saranno due aree quella pubblica e quella privata e Franceschini dice che questo museo è una soddisfazione per tutto il paese Italiano. Inoltre questo museo converte Torino da capitale industriale a capitale culturale fattore di non minore importanza. Sono davvero tutti molto entusiasti del lavoro fatto, a partire dalla presidente Evelina Christillin e il direttore Christian Greco che dicono di non essere mai stati cosi solari come in questo momento.

Quindi questo museo è davvero qualche cosa di sorprendente e tutti quelli che ieri l’hanno visto per la prima volta dicono che vale la pena visitarlo anche se si deve fare un viaggio partendo da qualsiasi parte del mondo. Tra le novità più importanti nel museo troviamo la completa sparizione delle teche, a favore di ariosi cristalli. Inoltre tutti i papiri sono stati raccolti in una sola unica e basta pensare che nel museo sono presenti ben quaranta quattro papiri. Il più lungo misura ben 18 metri ed è quello di Iuefankh. Secondo alcuni pare che mettendo insieme tutti i papiri si arrivi ad una lunghezza totale di ben duecento metri. Inoltre nel museo si possono ammirare anche statue di divinità e sarcofagi di ogni genere. Tutti sono stati restaurati dal Centro Restauri di Venaria. Ogni genere di reparto è esposto in vetrina. L’apertura del museo egizio di Torino è avvenuta ieri con i biglietti che erano tutti esauriti. Si sono presentate anche altre persone che non erano prenotate ma che dopo l’ingresso dei visitatori con prenotazione hanno potuto fare anch’egli l’ingresso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...