Nuovo nome per il mercato dell’Inter COMMENTA  

Nuovo nome per il mercato dell’Inter COMMENTA  

Nel corso di una intervista rilasciata in queste ore, il Direttore Sportivo della LDU de Quito, Esteban Paz, ha affermato che l’Inter sarebbe sulle tracce di Hernan Barcos, soprannominato il Pirata, attaccante dotato di grande stazza, ma dalla tecnica approssimativa. Il giocatore, classe 1984, si è messo in mostra nel corso dell’ultima Copa Sudamericana, vinta dalla sua squadra. L’accostamento del suo nome alla società nerazzurra, suona però molto sorprendente e più che altro sembra una autopromozione per spingere qualche società ad acquistare il giocatore, facendo magari salire il prezzo della transazione. In effetti, la seconda parte dell’intervista, sembra avvalorare questa ipotesi: “C’è un interesse potenziale mostrato da un emissario dell’Inter per Barcos, devo rivelare che questa voce è veritiera. Ma è solo una mossa da parte della società nerazzurra, nessun documento concreto è stato avanzato dal club di Milano, almeno fino a questo momento”. Insomma, siamo molto nel vago e Barcos non sembra proprio il tipo di attaccante chiesto da Ranieri a Moratti, però non si sa mai, visto che il calciomercato è sempre pieno di sorprese.

Leggi anche: Icardi libro: cosa ha scritto contro i tifosi?


Hernan Barcos
Hernan Barcos

 

Leggi anche

sbaglia-davanti-alla-porta
Calcio

Sbaglia davanti alla porta, l’errore più assurdo di sempre

Trovarsi a pochi centimetri dalla linea di porta, e sbagliare clamorosamente il gol. E' accaduto in Serbia, nel corso di un match del campionato regionale di Belgrado caratterizzato da un colpo di scena 'in negativo'. Tutto a causa di un assurdo errore di un giocatore, con indosso la maglia numero 15, che ha trovato un varco sfruttando una svista della difesa ma che a sua volta ha commesso uno di quegli errori che certamente non dimenticherà mai. Dopo aver rubato il pallone sfuggito ad un avversario, il giocatore prima ha stupito tutti con un tunnel al portiere, spingendosi poi sotto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*