Nuovo video in rete: Italia colonialista nel mirino dell’Isis

News

Nuovo video in rete: Italia colonialista nel mirino dell’Isis

La strategia comunicativa dell’Isis non si ferma mai.

In rete è comparso un nuovo video di propaganda, il cui destinatario è il popolo libico.

Proprio nel momento in cui Europa e USA devono decidere come procedere a Tripoli dopo il sostanziale fallimento della politica di riappacificazione approntata alla massima neutralità, con il delegato delle Nazioni Unite Bernardino Leon sempre più solo, l’Isis scende in campo.

Lo Stato Islamico, nel paese, è già padrone della strategica zona del Golfo della Sirte e appare intenzionato a incrementare il controllo del territorio portando dalla sua parte la popolazione. Per farlo, decide di sfruttare il passato colonialista del nostro paese.

Nel nuovo video (http://www.ilgiornale.it/video/mondo/lisis-allitalia-tripoli-prenderemo-roma-1143635.html), si ripercorrono le gesta dei ribelli libici che cacciarono gli invasori italiani, mostrando, fra l’altro, come le attuali forze del Califfato siano di gran lunga inferiori a quelle messe in campo, a suo tempo, da Roma. Il costante ricorso alla fede musulmana è utilizzato per cercare di creare un fronte comune nei confronti della presenza occidentale: la Libia è dei musulmani, è il concetto, e l’Isis è con i musulmani.

Non è la prima volta che l’Italia finisce nel mirino dell’Isis, ma, in questo caso, a colpire più di tutto è il fatto che il video rappresenta una vera e propria intrusione nell’ambito delle strategie di riappacificazione che l’ONU sta portando avanti con grande fatica.

Risulta infatti quanto mai chiaro che, se l’azione di propaganda del Califfato dovesse avere una certa percentuale di successo e di presa sul popolo libico, la situazione, già di per sé molto delicata, potrebbe complicarsi ancora di più.

1 Trackback & Pingback

  1. Nuovo video in rete: Italia colonialista nel mirino dell’Isis | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...