Obama, bastone e carota con l’Iran COMMENTA  

Obama, bastone e carota con l’Iran COMMENTA  

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama è tornato a parlare agli iraniani, con un video messaggio mandato in occasione del Nawruz (una ricorrenza tradizionale che celebra il nuovo anno).

Obama ha prima accusato Teheran di “aver creato una cortina elettronica per fermare le informazioni e le idee nel Paese”, in quanto “le tecnologie che dovrebbero rafforzare i cittadini vengono usate per reprimerli”, per poi usare toni più concilianti, sostenendo l’importanza del dialogo fra gli Stati Uniti e la Repubblica islamica: “non c’è alcuna ragione perchè i due Paesi siano divisi”.

Diversi i toni della Guida suprema, l’ayatollah Ali Khamenei: “Di fronte all’aggressione da parte degli Stati Uniti e di Israele, l’Iran si difenderà”, ha detto, aggiungendo che “abbiamo già spiegato di non usufruire di armi atomiche e tantomeno di costruirne, ma se dovesse esserci un eventuale attacco dei nemici, che si tratti degli Stati Uniti o del regime sionista, noi risponderemo nello stesso modo in cui ci attaccano”, concludendo infine che “l’America fa un grosso sbaglio se pensa che con le minacce riuscirà a distruggere l’Iran”.

 

Leggi anche

Tragedia in Brasile: sposa precipita con l'elicottero. Voleva fare una sorpresa al futuro marito
Esteri

Tragedia in Brasile: sposa precipita con l’elicottero. Voleva fare una sorpresa

La sposa che è morta in un  incidente a São Lourenço da Serra , San Paolo, nel pomeriggio di Domenica 4 dicembre, sposa che voleva solo arrivare al suo matrimonio in elicottero.  Lo sposo era in attesa della sua amata, Rosemeire Nascimento Silva,  all'altare quando ha sentito il forte rumore dello schianto dell'elicottero che trasportava la sua futura moglie con  il fratello Silvano da Silva Nascimento, la fotografa di nozze Nayla Cristina Neves Lousada e il pilota Peterson Pinheiro.  La fotografa era in cinta di 6 mesi. Tutti morti.  La cerimonia e e la festa di nozze di Rosemeire e di Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*