Obama: cambiamenti climatici qui e ora, necessari accordi per proteggere il pianeta COMMENTA  

Obama: cambiamenti climatici qui e ora, necessari accordi per proteggere il pianeta COMMENTA  

Ha parlato da Anchorage, in Alaska, il Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama.

Dalle terre estreme, dove il bianco dei ghiacci che si sciolgono mostra in modo inquietante e inequivocabile quale possa essere il futuro della Terra, Obama ha voluto lanciare un messaggio al mondo intero, ricordando che, fra i tanti, tantissimi problemi in cui l’umanità è coinvolta, ce n’è uno che, per gravità, può superarli tutti: quello dei cambiamenti climatici.

Leggi anche: Roma: in occasione del Giubileo sospesa la circolazione di armi, munizioni ed esplosivi


“Il cambiamento climatico” ha detto Obama “non è più un problema lontano. Sta succedendo qui ed ora. Il clima sta cambiando più rapidamente degli sforzi per ridurre il riscaldamento globale”. “La scienza è del tutto convinta delle prove che quella che una volta era una minaccia lontana ora è molto più vicina”.

Poche parole, ma molto incisive, di quelle che nessun altro capo di stato al mondo sceglie di pronunciare, per arrivare a concludere con l’invito a trovare una soluzione comune e valida al problema. Il senso dell’intervento di Obama dall’Alaska è infatti tutto qui: fra poche settimane (dal 30 novembre all’11 dicembre di quest’anno) si terrà a Parigi la Conferenza Mondiale sul Clima e, secondo il presidente USA, si tratterà di un’occasione da non perdere.

Leggi anche: Onu: il 16 dicembre si voterà la risoluzione per colpire le finanze dell’Isis


“Quest’anno a Parigi” ha ricordato infatti Obama “deve essere l’anno in cui il mondo finalmente raggiunge un accordo per proteggere il nostro pianeta”.

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*