Obama in visita a Cuba, previsto discorso in diretta TV COMMENTA  

Obama in visita a Cuba, previsto discorso in diretta TV COMMENTA  

Continua la storica operazione di riallacciamento dei rapporti diplomatici fra gli Stati Uniti d’America e Cuba. Il presidente USA Barack Obama trascorrerà tre giorni a L’Avana, da domenica a martedì della prossima settimana, incontrando, fra gli altri, il presidente Raul Castro e visitando la città. Già così si sarebbe trattato di una situazione del tutto eccezionale, ma il governo cubano ha deciso di spingersi oltre, a conferma della volontà di riapertura. Obama avrà infatti la possibilità di parlare in diretta televisiva a tutto il popolo cubano, e lo farà nell’ultimo giorno di permanenza sull’isola – martedì prossimo – dopo l’incontro con i rappresentanti della Società Civile Cubana presso il Gran Teatro Alicia Alonso.

Leggi anche: E’ morto Fidel Castro, il capo della rivoluzione cubana aveva 90 anni


Non ci sono indiscrezioni sui temi che Obama intenderà trattare, ma di sicuro non mancheranno abbondanti riferimenti al ritrovato rapporto fra gli USA e Cuba e al superamento di una barriera che rappresentava l’ultimo esempio al mondo delle contrapposizioni tipiche della Guerra Fredda.

Leggi anche: Fidel Castro ritorna in Parlamento

Quel che è certo è che Barack Obama parlerà, e “ognuno potrà farsi un’idea di quello che dice”, come ha spiegato il ministro degli Esteri di Cuba, Bruno Rodriguez, nel corso della conferenza stampa di presentazione della visita del presidente americano.

Leggi anche

alecsandra-puflea-2
News

Ragazza cacciata dall’hotel perché scambiata per una prostituta

Episodio di razzismo denunciato a Ferensway, nel Regno Unito. Una ragazza rumena, Alecsandra Puflea, 22 anni, studentessa di Criminologia all'Università di Hull, si è vista rifiutare la camera di un hotel, l’Holiday Inn Express, che aveva prenotato online, perché scambiata per una prostituta. Era insieme al suo fidanzato. Dopo aver visto la sua carta d'identità, l'addetto alla reception l'ha mandata via, dicendo che l’albergo non accettava clienti rumeni - neanche il fatto chela studentessa abbia mostrato la sua patente britannica, è servito - . Poi la struttura si è scusata, dicendo di aver stabilito “quella” regola perché alcune ragazze provenienti dalla Romania erano state scoperte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*