Obesità in gravidanza: 67% possibilità di concepire un figlio autistico COMMENTA  

Obesità in gravidanza: 67% possibilità di concepire un figlio autistico COMMENTA  

I ricercatori dell’Uc Davis Mind Institute di Sacramento, in California, annunciano: l’obesità della madre in gravidanza comporta un maggior rischio di partorire un figlio che soffre di autismo.

Le mamme obese hanno il 67% di possibilità in più di partorire un bimbo che soffre di autismo rispetto alle mamme di peso normale, senza diabete o ipertensione, e il 100% in più di avere un bimbo che soffre di altri disordini mentali. Il problema del sovrappeso è attualissimo e caratterizza la generazione attuale. Una sana alimentazione evita tantissime tipologie di complicazioni e di malattie indotte dal cibo grasso e dal mangiare veloce.

 «Oltre un terzo delle donne americane in età fertile – spiega Paula Krakowiak, una biostatistica affiliata al Mind Institute – sono obese e quasi un decimo hanno, durante la gravidanza, diabete gestazionale o di tipo due. Le conclusioni del nostro studio potrebbero avere serie implicazioni per la salute pubblica».

 1 bambino su 110 soffre di autismo, una malattia caratterizzata da impedimenti nella relazioni sociali, deficit di comunicazione e che spesso è accompagnata da disabilità mentale.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

appendice
Salute

Appendice: ecco a cosa serve

Individuata da un gruppo di ricercatori della Midwestern University la funzione specifica dell'appendice, un tempo considerata mera vestigia filogenetica. Conosciuta anche come appendice vermiforme o appendice cecale, l'appendice è un prolungamento dell'intestino crasso; per la Leggi tutto
About Chiara Cichero 967 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*