Offerta: Balletto che passione! La Vie en Rose e Carmen a Vignale Monferrato COMMENTA  

Offerta: Balletto che passione! La Vie en Rose e Carmen a Vignale Monferrato COMMENTA  

Cosa posso fare con il mio ticket?

Ogni ticket LetsBonus è valido per 1 biglietto per lo spettacolo La vie en rose della Compagnia Balletto di Milano oppure Carmen della Compagnia Balletto del Sud a Vignale Monferrato. Data e orario: 21 o 22 luglio. Ore 21.30. Settore: Platea.

Ti ricordiamo che:
– Ticket non rimborsabile.
– I posti sono tutti garantiti.
– L’assegnazione posti dipende dalla disponibilità sulle file a noi riservate dall’organizzatore; non è possibile scegliere il proprio
posto, né modificare i posti assegnati.
– Per essere posizionati vicino è consigliabile acquistare i ticket utilizzando la stessa utenza in un’unica transazione.

Balletto di Milano
La vie en rose

La creazione di Adriana Mortelliti sulle indimenticabili canzoni francesi di autori tra i più amati dal pubblico tra cui Edith Piaf, Charles Aznavour, Jacques Brel e tanti altri.  Un susseguirsi di quadri di grande impatto, sfondo di passioni universali. Il lavoro coreografico, concepito in una successione di quadri indipendenti, gioca con gli stereotipi culturali suggeriti dalla canzone francese, li supera e, perdendo ogni connotazione geografica, diventa sfondo di passioni universali alle quali fanno eco le contaminazioni della poesia urbana contemporanea. In un luogo apparentemente non ben definito, in un’atmosfera ora rarefatta e nostalgica, ora giocosa ed ironica che ciascuno spettatore può percepire secondo una propria emotività, i danzatori “raccontano” storie di tutti i giorni. Storie che parlano d’amore e di indifferenza, di incontri e di solitudine, di amicizia e di sentimenti. Di emozioni. La presenza di Abd Al Malik, artista franco-congolese che privilegia lo stile rap e la slam poetry, è solo apparentemente estranea alla scelta degli altri interpreti. Rappresenta la voce africana, spesso emarginata, e parla di immigrazione e riscatto sociale, dando valore a un testo forte di senso e di emozione accompagnato da una musica che supporta e amplifica l’intensità della parola.

Balletto del Sud
Carmen

Carmen, balletto in due atti di Fredy Franzutti, è una delle produzioni di maggior successo della sua compagnia. La vicenda creata da Merimée ha trovato la sua consacrazione nell’opera di Bizet e, ovviamente, buona parte della musica della celebre opera Franzutti l’ha impiegata come base musicale, ma questa si è arricchita anche con l’apporto di altre musiche di sapore spagnolo, da Chabrier a Massenet e all’unico spagnolo verace Albéniz. Un tessuto musicale composito, studiato per favorire un’azione coreografica risultata intensa, ricca di mordente, con una costante “narratività” esplicitamente espressa e mai fine a se stessa. Qualità precipua di Franzutti, apparsa una volta di più in tutta la sua evidente validità, è quella di saper fondere con mirabile equilibrio la matrice accademica con gli spunti di modernità intelligentemente soppesati ed impiegati, e nel caso specifico, anche con quel tanto di folk, che però non scade mai nell’oleografico, come nella trascinante “farandola” o agli appassionati “passi a due”. La vicenda si snoda perciò nell’ambito di un’atmosfera nella quale con riuscita intuizione, anche  il colore degli abiti o la definizione delle scene assumono una funzione, un peso,  chiaramente indicativi delle situazioni che gli interpreti sono chiamati a vivere. Si passa così dal bianco ed il rosso iniziali che sottolineano eloquentemente il nascere di una passione bruciante fino al nero conclusivo, che esprime la tragica conclusione.

L'articolo prosegue subito dopo

 

 


Per comprare questa offerta vai su LetsBonus

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*