Offerte di lavoro in Svizzera COMMENTA  

Offerte di lavoro in Svizzera COMMENTA  

In questo periodo caratterizzato da un tasso di disoccupazione (soprattutto quella giovanile) piuttosto alto, a tanti può venire in mente l’idea di abbandonare il nostro Paese e di trasferirsi all’estero per trovare una occupazione. Per esempio: potete decidere di emigrare (anche solo temporaneamente) in Svizzera; questa nazione è poco distante dall’Italia. La cosa da mettere in rilievo è quella che questo Paese ha siglato il noto “Accordo sulla libera circolazione delle persone” e questo all’interno di tutte le nazioni che fanno parte della UE. Questo sta a significare che i cittadini dell’UE possono entrare, trasferirsi e vivere per lavoro in Svizzera e questo senza andare incontro a delle restrizioni formali.

Leggi anche: Offerte di lavoro in Olanda

Questa nazione, inoltre, ha siglato una serie di accordi di esenzione dal visto (e ciò per soggiorni di breve durata, in genere per meno di tre mesi) con i Paesi che non fanno parte dell’UE.

Leggi anche: Lavorare in Germania con un ottimo stipendio

Se l’obiettivo vostro è quello di andare a lavorare in un’economia florida e stabile, la Svizzera indubbiamente sarà il vostro obiettivo, essendo questa una nazione con uno dei maggiori PIL pro capite del mondo.

Le maggiori offerte di lavoro che provengono dalla Svizzera sono in ambito finanziario, tecnologico (nel settore della IT), economico ed anche nel settore manifatturiero e della ristorazione.

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*