Olanda: no all’accordo su austerity

Esteri

Olanda: no all’accordo su austerity

Si sono conclusi durante la giornata odierna, senza esito e dopo quattro settimane di trattativa, i negoziati del governo olandese per la definizione di misure di austerity da adottare per il risanamento del deficit del Paese. Le trattative avevano avuto inizio lo scorso 5 marzo.

Il primo ministro, il liberale Mark Rutte, ha attribuito la responsabilità dell’insuccesso al leader dell’estrema destra xenofoba, Geert Wilders.

Wilders, infatti, ha deciso all’ultimo momento di ritirare il suo appoggio esterno alla coalizione di governo, fondamentale per la conclusione della trattativa. La causa della discordia risiedeva nelle misure da adottare per tagliare le spese, in base ai parametri stabiliti dall’Ue.

Marika Nesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche