Olimpiadi Rio, titolo offensivo sul giornale: “il trio delle cicciottelle” COMMENTA  

Olimpiadi Rio, titolo offensivo sul giornale: “il trio delle cicciottelle” COMMENTA  

Ha sicuramente lasciato a bocca aperta più di un lettore, il ‘titolo’ pubblicato nelle pagine sportive di un noto quotidiano italiano di oggi, Il Resto del Carlino (o meglio di Qs, la testata del Quotidiano Nazionale che comprende anche La Nazione e Il Giorno). L’articolo riguarda la sconfitta olimpica del trio Mandia, Boari e Sartori nel tiro con l’arco. Guendalina Sartori, Lucilla Boari e Claudia Mandia hanno scritto la storia, è infatti la prima volta che l’Italia sfiora addirittura la finale in questa disciplina olimpica. Ma a Rio 2016 le azzurre hanno dovuto fare i conti con Taipei nella sfida per la terza piazza, e non sono riuscite a conquistare il bronzo (la sfida si è conclusa 5-3), dopo la sconfitta contro la Russia con il medesimo risultato.

Leggi anche: Piste da bob in Italia


Ma in questo caso non è stato il risultato a smuovere il web bensì il titolo, marcatamente offensivo, scelto dal noto quotidiano italiano per ‘descrivere’ l’impresa delle azzurre. A pagina 5, nella sezione ‘Olimpiadi’, si legge infatti ‘Tiro con l’arco – il trio delle cicciottelle sfiora il miracolo olimpico’. L’immagine che ritrae la porzione di giornale ‘incriminata’ è stata postata su Facebook, Twitter e su diversi forum di discussione dedicati alle Olimpiadi di Rio ed è già divenuta virale con migliaia di critiche. Vi sono utenti che parlano di ‘disastrosa caduta di stile’, altri che definiscono il titolo offensivo; c’è poi chi si rifiuta di considerare questo articolo giornalismo e altri che ricordano che le ‘cicciottelle’, come definite nel pezzo, hanno degnamente rappresentato l’Italia.

Leggi anche: Paltrinieri: fidanzata, biografia, curiosità


Alcuni utenti ricordano scherzosamente che definire cicciotelle tre ragazze in grado di colpire un bersaglio di 12 cm a 70 metri di distanza potrebbe non essere la miglior strategia per raggiungere la terza età.

E, ancora, c’è chi si chiede che fine abbiano fatto i correttori di bozze. Insomma un caos social che sta proseguendo anche in questi minuti e destinato a far rumore per l’intera giornata.

Leggi anche

Sport

Champions.Al Juventus stadium i biancocelesti affrontano la Dinamo Zagabria

Champions.Al Juventus stadium i biancocelesti affrontano la Dinamo Zagabria Tensione all'arrivo dei tifosi della Dinamo Zagabria, un migliaio in tutto, allo 'Juventus Stadium'. Un gruppo ha cercato di forzare il cordone di polizia, costringendo le forze dell'ordine a respingerli con l'uso di idranti. Fuori dello stadio la tensione resta comunque alta, a un'ora e mezza dall'inizio della partita di Champions. I bianconeri non perdono in casa da 19 partite. L'ultimo ko risale all'aprile 2013, quando il Bayern Monaco espugnò lo Stadium con i gol di Pizarro e Mandzukic. Compagine arbitrale inglese per Juventus-Dinamo Zagabria, incontro della sesta e ultima giornata Leggi tutto

4 Commenti su Olimpiadi Rio, titolo offensivo sul giornale: “il trio delle cicciottelle”

  1. certo che anche voi, definidendo quel titolo “maschilista”, non vi dimostrate professionisti migliori di quelli in questione che lavorano per RDC.
    Quello semmai è un titolo offensivo, offensivo per le persone in sovrappeso / obese, ma perchè maschilista? Se si fosse insultato un uomo, sarebbe stato un titolo femminista? Perchè condire sempre le dispute, anche quelle che poco o niente hanno a che vedere con questioni di genere, con un pò di guerra dei sessi, buttata lì a mo’ di peperoncino tanto per infiammare la questione?

    • Ciao Eraclito, innanzitutto ti ringrazio per la segnalazione. L’articolo è stato modificato.

  2. “Urtato la sensibilità di alcuni nostri lettori”
    È solo un parassita senza attributi e intelligenza zero, nemmeno nelle scuse si salva; scelta giusta dell’editore nel radiarlo mi auguro, è da mettere al posto del bersaglio nel tiro con l arco; solidarietà alla grandezza delle Donne Arcere Olimpioniche

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*