Omicidio dell’avvocatessa a Udine: indagato amico vittima COMMENTA  

Omicidio dell’avvocatessa a Udine: indagato amico vittima COMMENTA  

Udine, 18 settembre – Il procuratore di Udine, per quanto riguarda le indagini sull’uccisione della 28enne Silvia Gobbato, ha scritto dei sospetti riguardo il figlio dell’avvocato Ortis presso il quale la ragazza lavorava in uno studio legale come praticante avvocato.


I carabinieri del Ris di Parma e il nucleo investigativo di Udine hanno fatto stamane dei sondaggi nell’area dove si è consumato il delitto e dove la ragazza faceva jogging con un amico.

Per questa ragione, l’area intorno è stata setacciata con dei metal detectors. Una dozzina di persone sono state interrogate dagli investigatori. Inoltre il figlio dell’avvocato Ortis, e anche l’ex ragazzo di Silvia, il suo amico di Udine, certamente alcuni degli altri joggers e chiunque fosse nei dintorni a quell’ora sono sotto interrogatorio.

Il corpo di una ragazza è stato trovato da un passante nel pomeriggio su una strada fuori Udine. La ragazza stava facendo jogging in una zona del parco tra Plaina e Buja, e sul suo corpo sono state ritrovate diverse coltellate.

L'articolo prosegue subito dopo

Il corpo della ragazza è stato trovato dal suo amico che faceva jogging con lei e che ora è indagato dalla procura di Udine. Secondo la polizia la ragazza sarebbe stata colpita in strada per poi essere trasportata 10 metri più avanti. La morte risale alle 13 o 14 del pomeriggio del 18 settembre. La ragazza aveva una laurea in legge ed è stata promossa all’esame scritto di stato.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*