Omicidio Elena Ceste: condannato Buoninconti a 30 anni di carcere

Cronaca

Omicidio Elena Ceste: condannato Buoninconti a 30 anni di carcere

Secondo il tribunale di Asti, fu Michele Buoninconti ad uccidere la moglie Elena Ceste. Poche ore fa il giudice Roberto Amerio ha condannato l’uomo a trent’anni di carcere, sposando la tesi dell’accusa sostenuta dal Pm Laura Deodato, che aveva chiesto la condanna di Buoninconti proprio alla stessa pena.

Secondo la ricostruzione della procura, fu l’uomo ad uccidere la moglie in casa, per poi nasconderne il corpo in un canale adiacente all’abitazione familiare. Il giudice come condanna accessoria ha disposto il pagamento di 300 mila euro per ognuno dei 4 figli, e 180 mila euro per i genitori e la sorella, mentre 50 mila euro andranno risarciti al cognato.

Pietose le scene dopo la lettura della sentenza, con il pianto a dirotto dei genitori della vittima: ‘I genitori di Elena, Lucia e Franco, sono provati – hanno riferito i legali della famiglia Ceste- hanno pianto sia per la figlia che per i quattro nipoti che li stanno aspettando a casa’.

Promettono battaglia i legali di Michele Buoninconti, che rivendicano l’assoluta estraneità ai fatti contestati del proprio assistito, e hanno annunciato che ricorreranno in appello per fare valere la propria verità: ‘Sapevamo che era un processo complesso per il condizionamento mediatico – ha dichiarato l’avvocato dell’imputato, Giuseppe Marazzita – Michele sperava in un risultato positivo, noi lo abbiamo tranquillizzato sul suo eccessivo ottimismo.

Tra novanta giorni leggeremo le motivazioni della sentenza e valuteremo come impostare il ricorso. Andremo in Appello e, se necessario, in Cassazione’.

Elena Ceste venne trovata morta, nell’ottobre del 2014, a pochi chilometri dall’abitazione familiare a Costigliole D’Asti. La donna era scomparsa nove mesi prima, e il suo era subito diventato un caso nazionale, attenzionato dalla stampa e dai talk show che si occupano di cronaca nera.

Secondo l’accusa l’uomo avrebbe agito, spinto dalla gelosia nei confronti della donna, sospettata di intrattenere una relazione con un altro uomo. Nel corso dell’ultima udienza, Michele Buoninconti aveva rilasciato una dichiarazione spontanea letta ai giudici, per ribadire la propria innocenza: ‘Non ho ucciso Elena, è morta per una tragica fatalità’.

2 Trackback & Pingback

  1. Omicidio Elena Ceste: condannato Buoninconti a 30 anni di carcere | Braincell
  2. Omicidio Elena Ceste: condannato Buoninconti a 30 anni di carcere | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche