Omicidio Galiotto: confermata in appello la pena a 19 anni per il marito COMMENTA  

Omicidio Galiotto: confermata in appello la pena a 19 anni per il marito COMMENTA  

20120329-095254.jpg

Modena – Giulia Galiotto, 30 anni, fu uccisa l’11 febbraio 2009 a San Michele di Sassuolo, nel Modenese. Per quell’omicidio fu arrestato Marco Manzini, marito della donna.

La vittima fu uccisa con una pietra in testa. Dopo l’omicidio, Manzini inscenò il suicidio della donna gettandola nel fiume Secchia. La corte d’Appello ha confermato la condanna a 19 anni e 4 mesi di reclusione per il Manzini.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*