Omicidio Melissa: Vantaggiato aveva un complice COMMENTA  

Omicidio Melissa: Vantaggiato aveva un complice COMMENTA  

Brindisi – Giovanni Vantaggiato, l’assassino di Melissa Basssi nega ma gli inquirenti sono convinti che abbia agito insieme a un complice. Lo scrivono nell’ordinanza il Gip Ines Casciaro: «La presenza di altre persone sul luogo del delitto almeno nelle fasi preparatorie  sarebbe confermata anche dalle dichiarazioni dello stesso indagato e da testimoni». Ma cosa hanno visto questi testimoni? Ebbene, qualcuno ha visto un uomo spostare il bidone dov’era nascosto l’esplosivo. Un uomo che, stando alla descrizione fatta, non corrisponderebbe all’identikit di Giovanni Vantaggiato. L’uomo che spostava il bidone è stato visto la notte del 19 maggio, intorno all’1:30, a poche ore dall’esplosione. poi, c’è que plurale utilizzato da Vantaggiato durante l’interrogatorio, quel noi frettolosamente giustificato come un modo di dire delle sue parti. La confessione del killer, quindi, continua a non convincere i pm.  Angelo Rampino, preside della Morvillo Falcone, intanto, è stato sospeso per  motivi cautelativi. La decisione del provvedimento è stata presa dall’ufficio scolastico regionale della Puglia.


 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*