Omicidio Meredith, attesa per la sentenza della Cassazione COMMENTA  

Omicidio Meredith, attesa per la sentenza della Cassazione COMMENTA  

Lunedì la Cassazione emetterà la sentenza nei confronti di Amanda Knox e Raffaele Sollecito, per l’omicidio di Meredith Kercher. Un giorno molto atteso dalla famiglia della vittima, che aspetterà la sentenza in Inghilterra e che, attraverso Stephanie, sorella di Meredith, fa sapere: “Ci sono ancora domande senza risposta, cerchiamo la verità» ha detto la sorella di Meredith, Stephanie.

Leggi anche: Jennifer: la ragazza uccisa a coltellate dall’ex a Pescara

Meredith ci manca terribilmente e sfortunatamente nulla la riporterà indietro. Speriamo che gli ultimi atti del processo in Cassazione ci aiutino ad avere alcune risposte su quanto avvenuto il primo novembre 2007, quando le nostre vite sono cambiate per sempre”.

La sorella di Meredith ha aggiunto che ancora oggi la sua famiglia riceve sostegno da tante persone: “vogliamo che tutti sappiano quanto apprezziamo e quanto ci siano d’aiuto.

Leggi anche: Straniero violenta bimba di 6 anni: arrestato

Recentemente ho realizzato il Fondo Meredith Kercher per aiutare la nostra famiglia nelle ultime fasi del procedimento legale italiano e penso successivamente di trasformarla in una fondazione caritatevole in memoria di Meredith”. Stephanie ha sottolineato che la sorella non sarà mai dimenticata: “ma è importante che ci si ricordi cosa è avvenuto: una bella e giovane ragazza, la mia sorellina, ci è stata strappata troppo presto in modo così brutale con troppi aspetti non chiariti”.

Leggi anche

SQUIRTING.
News

Squirting: cos’è e in cosa consiste

Che cos'è lo Squirting? Qual è il modo migliore per praticarlo e in cosa consiste? Scopriamo insieme tutti i segreti dello Squirting. "Squrting" è una parola inglese che identifica l'eiaculazione femminile, cioè la fuoriuscita di una grossa quantità di liquido dai condotti intorno all'uretra durante l'arrivo dell'orgasmo. Il fenomeno è ancora molto studiato e ricercato poichè gira intorno alla possibilità dell'esistenza del Punto G a cui ancora moltissimi medici non sanno dare spiegazione. Il liquido che viene espulso appare a "getto" poichè esce attraverso le contrazioni muscolari involontarie, tipiche degli organi genitali femminili. Secondo gli studi fatti sul corpo femminile Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*