Omicidio stradale: arriva l’ok del Senato COMMENTA  

Omicidio stradale: arriva l’ok del Senato COMMENTA  

Dalla Commissione Giustizia del Senato è stato approvato il disegno di legge per l’introduzione di una specifica fattispecie di reato, l’omicidio stradale.

Per punire chi compie tale reato saranno previste pene fino a 12 anni di reclusione, nel caso in cui il pirata della strada che procuri la morte altrui sia alla guida in stato di ebrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. A tale pena si aggiunge il ritiro della patente fino a 30 anni.

Leggi anche: Renzi dopo il decreto salva-banche: ‘Adesso è urgente una riforma del sistema’


Il testo potrebbe già a breve arrivare alla Camera.

Dovrebbe essere così introdotto un nuovo articolo 589 bis del codice penale che prevede:

pena da un minimo di 8 ad un massimo di 12 anni qualora la morte sia provocata guidando un’auto o pilotando un natante in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe;

pena fino a 18 anni di reclusione qualora si determini la morte di più persone

pena aumentata fino ad un terzo nel caso di fuga del conducente

pena accessoria della revoca della patente con impossibilità di ripetere l’esame di guida dopo la riabilitazione, da 15 fino a 30 anni.

Leggi anche: Crac finanziario, ecco nel dettaglio i numeri dei risparmiatori danneggiati


Integra l’ipotesi di omicidio stradale anche il fatto commesso in assenza di droghe o ebbrezza; nello specifico la pena è compresa tra 7 e i 10 anni qualora con colpa si provochi la morte di una persona procedendo nei centri urbani a velocità pari o doppia di quella consentita, e comunque non inferiore a 70 km o su strade extraurbane a una velocità superiore di almeno 50 km rispetto a quella massima consentita, oppure passando con il rosso o circolando contromano. Stessa pena qualora la morte sia cagionata per

inversione di marcia in corrispondenza o vicino a intersezioni, curve o dossi, o a seguito di sorpasso di altro automezzo in corrispondenza di un attraversamento pedonale o di linea continua.


L’approvazione è stata quasi all’unanimità e tra tutti i gruppi c’è l’accordo di velocizzare il più possibile l’iter di approvazione definitivo anche alla luce dei recenti fatti di cronaca che hanno portato a molteplici morti lungo le strade.

Leggi anche

Guida a folle velocità: ventenne si schianta in diretta
News

Guida a folle velocità: ventenne si schianta in diretta

i social network e l'uso dello smartphone stanno diventando peggio delle droghe. così un giovane è morto: andando a 170 km orari e facendo una diretta su facebook.   Ventenne si schianta video diretta Una folle corsa e poi infine lo schianto, questo è il video choc postato sui social da un giovanissimo americano. Il ragazzo guida a quasi 170 chilometri all'ora in mezzo al traffico, e riprende tutto con lo smartphone perché  trasmette il video in diretta su Facebook fino allo schianto, schianto  contro le barriere. Il ventenne Onasi Olio-Rojas è riuscito a salvarsi dopo il terribile incidente che, secondo Leggi tutto
About Manuela Margilio 50 Articoli
Sono laureata in giurisprudenza e amo scrivere su questioni relative al diritto e fisco; mi piace leggere e mi dedico alle recensioni. Scrivere sul web è una delle mie passioni che mi consente di essere sempre aggiornata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*