Operaio uccide i suoi datori di lavoro a Milano: mi trattavano male COMMENTA  

Operaio uccide i suoi datori di lavoro a Milano: mi trattavano male COMMENTA  

A Casate, una frazione vicino Milano, si è consumata un’assurda tragedia. All’alba di oggi Davide Spadari, di trentasei anni, è entrato in un bar e ha colpito a morte i suoi datori di lavoro, Rocco e Salvatore Brattalotta (rispettivamente padre e figlio), con una pistola. I due sono morti prima che arrivassero i soccorsi.


L’omicida è stato fermato dai Carabinieri mentre andava a costituirsi, è stata recuperata anche l’arma utilizzata per compiere il duplice omicidio. I Brancalotta erano i titolari della ditta di carpenteria presso cui Davide Spadari lavorava.

Alle forze dell’ordine l’uomo ha rivelato: “Non li sopportavo più, mi trattavano male”. Dopo l’ennesima lotta, Rocco Brattalotta aveva invitato Spadari  a non presentarsi l’indomani sul luogo di lavoro.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*