Operazione Parlamento pulito: legge delega per tenere i condannati fuori dalla politica COMMENTA  

Operazione Parlamento pulito: legge delega per tenere i condannati fuori dalla politica COMMENTA  

20121003-094346.jpg

Il Governo Monti, dopo lo scandalo della Regione Lazio, ennesimo di una lunga lista, vuole impedire a qualsiasi persona con condanna definitiva, per pene superiori ai due anni, di candidarsi alle elezioni.

Un’operazione “liste pulite” che il Governo vuole compiuta prima del voto per la Regione Lazio. Compito non facile, visti gli attuali 26 parlamentari particolarmente e direttamente interessati alla cosa ma, non impossibile.

Del resto i partiti hanno disperato bisogno di riabilitarsi agli occhi del corpo elettorale. Non far passare questa delega sarebbe un clamoroso autogol, uno dei tanti a dire il vero ma questa volta siamo già nei minuti di recupero.

La legge non soltanto prevederebbe la non candidabilità a qualsiasi carica elettiva, non consentirebbe il conferimento d’incarichi di governo come possono essere quelli di ministro, sottosegretario e, ovviamente, presidente del Consiglio.

Leggi anche

2 Commenti su Operazione Parlamento pulito: legge delega per tenere i condannati fuori dalla politica

  1. X i condannati niente candidature, nemmeno se lo sono x 2 giorni e non 2 anni, i corrotti devono essere emarginati dalla società(va bene che si rimarebbe in pochi, meglio pochi:ma buoni), quindi fate questa legge cari tecnici, altrimenti ci dovremo subire i vari:Scagliola, Dell'Utri, Mastella, Fiorito e chi + ne ha + ne metta, non dimenticando Berl.ni, x la quale il pdl sta facendo fuoco e fiamme x non fare questa legge anticorruzione

  2. e non solo anche se indacati con avviso di garanzia non devono essere eletti .altrimenti ci ritroveremo sempre mafiosi ladri e ricattatori nel parlamento ..basta con questo schifo ..ci state facendo vomitare .. e' diventato impossibile fare anche una scelta politica e scegliere i candidati .. una vera vergogna.e fuori anche tutte quelli nominate e nominati dai segretari ..sono tutti leccaculi che continuano a votare leggi in loro favore anche se schifose ..solo per gratitudine ..perche' questa e' la frase che circola in parlamento "gratitudine .." ma di che' ..se hanno un cervello cosa che dubito! dovrebbero votare con il proprio cervelloe non per grattudine!!!!!!!!!!!!!! le leggi servono al paese no al boss di turno che diventa presidente del consiglio.In parlamento non deve esistere la gratitudine ma gli interessi del cittadino.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*