Operazione riuscita per Silvio Berlusconi COMMENTA  

Operazione riuscita per Silvio Berlusconi COMMENTA  

La delicata operazione al cuore di Silvio Berlusconi è andata per il meglio e non sono stati riscontrati problemi. A fare scalpore oggi è stata la rivelazione di un dettaglio commovente relativo a qualche minuto prima che l’ex Presidente del Consiglio venisse anestetizzato e portato in sala operatoria.

Leggi anche: Calcio. Inter Milan 2 -2 Pioli esulta


Il giorno prima dell’intervento Berlusconi ha passato un quarto d’ora in privato con un sacerdote e alle ore 8.40 del giorno dell’intervento, poco prima di chiudere gli occhi per l’effetto dell’anestesia, ha pronunciato due parole determinate: “Sono pronto”.

Leggi anche: Con chi ha fatto sesso Silvio Berlusconi


L’operazione è durata circa 4 ore e terminato l’intervento, alle 12.30, il Cavaliere è stato portato in terapia intensiva, come da programma per interventi di questo tipo. Dopo due giorni verrà poi spostato nella suite del sesto piano del San Raffaele di Milano dove vi resterà per una settimana e, se tutto dovesse andare come previsto, proseguirà successivamente un mese di degenza nella sua villa di Arcore.


L’intervento consisteva nella sostituzione della valvola aortica, la valvola più importante per la circolazione sanguigna, che è stata sostituita con una valvola di origine animale.

L'articolo prosegue subito dopo

Durante l’intervento il cuore di Berlusconi è stato fermato per circa un’ora e la circolazione del sangue è stata garantita da un macchinario specializzato.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*