Opere connesse alla Tav, approvato il progetto esecutivo del ponte degli alpini di Susa COMMENTA  

Opere connesse alla Tav, approvato il progetto esecutivo del ponte degli alpini di Susa COMMENTA  

Un ponte sulla Dora molto atteso per ristabilire la connessione tra le due parti di Susa, dopo che nel 2000 quello precedente è stato demolito in seguito all’alluvione perché costituiva di fatto un vero e proprio tappo idraulico: sarà ricostruito più alto e adeguato, con un impalcato a piastra in cemento armato precompresso, con travi parete ad altezza variabile, realizzato
su un’unica campata lunga 28 metri, con una carreggiata per il traffico larga m. 6,5 e composta da due corsie di 2,75 m e due marciapiedi laterali di 1,5 m.

Leggi anche: Capodanno in piazza: ecco i più grandi eventi della notte di San Silvestro

E’ il cosiddetto “ponte degli alpini” di Susa, il cui progetto esecutivo è stato esaminato ed approvato questa mattina a Palazzo Cisterna, durante la seduta della Giunta provinciale.

Leggi anche: Meteo: a dicembre temperature di 2,5 gradi sopra la media, è allarme smog

“Siamo pronti per l’appalto e la consegna lavori – spiega il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta – per un’opera che costerà alle nostre casse 1 milione e 250mila euro. Siamo però ancora in attesa che dal Ministero delle infrastrutture arrivi l’autorizzazione, promessa dal ministro Angelino Alfano a Torino, ad escludere la realizzazione del ponte dal patto di stabilità. A quel punto, il cantiere partirà immediatamente”.

L’esclusione dai vincoli del patto di stabilità era stata garantita per una serie di infrastrutture ed interventi connessi alla realizzazione della linea ferroviaria Torino-Lione.

L'articolo prosegue subito dopo

“Entro il 15 ottobre – aggiunge Saitta – la Provincia di Torino approverà anche le progettazioni di tutte le altre opere connesse di nostra competenza che valgono oltre 2 milioni di euro: cito fra tutte la manutenzione straordinaria della scuola superiore Itis Ferrari dove verrà anche riaperto l’auditorium, il nuovo ponte sul torrente Cenischia per un valore di 900mila euro che andrà a sostituire un ponte oggi inadeguato e ancora opere di viabilità per la messa in sicurezza delle strade statali 24 e 25 oltre ad interventi contro il dissesto idrogeologico”.

Leggi anche

martello
Torino

Tragedia a Torino: uccide la moglie con un martello prima di impiccarsi

Un uomo di 69 anni ha ucciso la moglie 72enne con un martello, poi si è suicidato. All'origine del gesto, un debito contratto all'insaputa della famiglia. Un cruento omicidio-suicidio scaturito da un dramma della povertà: è quanto avvenuto, con ogni probabilità nella notte tra il 20 e il 21 ottobre, a Torino, nel quartiere Santa Rita. Le vittime sono Natalina Montanaro, 72 anni, e Francesco Tonda, 69, che vivevano da soli in un appartamento in Corso Orbassano 376: a scoprire i cadaveri, nelle prime ore della mattinata, il figlio della coppia, allarmato da alcuni SMS inviatigli dal padre. È stato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*