Oscar Green 2013: consegnati i Premi della IV Edizione Piemontese COMMENTA  

Oscar Green 2013: consegnati i Premi della IV Edizione Piemontese COMMENTA  

Presso il Teatro Regio di Torino, Dario Perucca, Delegato Giovani Impresa Regionale, Roberto Moncalvo, Presidente Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Direttore Regionale Coldiretti Piemonte, hanno consegnato l’ambito riconoscimento ad 8 imprese agricole piemontesi nell’ambito delle varie categorie di Oscar Green. Presente alla manifestazione Antonio De Concilio, direttore Coldiretti Puglia che con la sua famiglia ha consegnato il premio “Massimiliano De Concilio. I vincitori piemontesi potrebbero essere selezionati per la finale che si terrà a Roma.

Leggi anche: Giornata mondiale contro l’AIDS: quasi 4000 casi nel 2015

Per la categoria STILE E CULTURA D’ IMPRESA, la finalista regionale è Mirella Chiattone, “Azienda Agricola Essenzialmenta di Chiattone Mirella”
Per la grande passione con cui l’azienda ha creduto nel recupero di una tradizione secolare che si tramanda sul territorio di Pancalieri e dintorni. Per la voglia di sfidare se stessi e il mercato con un prodotto di qualità, estremamente caratteristico e di valore quale la menta. Per l’originalità dei prodotti derivati e per la creatività di chi nell’azienda ha creduto.

Leggi anche: Terra vista dallo spazio: stazione orbitale in diretta

Per la categoria IN FILIERA, il finalista regionale è Silvio Busca, “Corilanga Società Agricola Cooperativa.
Per la grande capacità di valorizzare la filiera di un prodotto di elevata qualità, caratteristico di un territorio unico come le Langhe, per la lungimiranza imprenditoriale di saper colloquiare con aziende leader nel settore e per la forza di fare rete attraverso il sistema cooperativistico.

Per la categoria ESPORTARE IL TERRITORIO, finalista regionale è Annalisa Bocchino, “Bocchino Giuseppe Azienda Agricola di Bocchino Annalisa”, per la straordinaria capacità imprenditoriale, per l’eccellenza raggiunta nelle produzioni e l’importante investimento nelle esportazione del Made in Italy di qualità a livello internazionale: Cina, Singapore, Indonesia, Malesya, USA e Hong Kong, per proseguire con le nuove sfide di India, Brasile, Messico, Venezuela.

L'articolo prosegue subito dopo

Per la categoria NON SOLO AGRICOLTURA, il finalista regionale è Marco Girodo, “Agriturismo Girodo Marco”, per la capacità di reinventarsi, affiancando alla più tradizionale conduzione dei vigneti di famiglia e della produzione orticola, l’innovativo allevamento di struzzi, con la produzione della relativa carne ad elevato valore nutrizionale e i conseguenti prodotti derivati. Per la capacità di rendere la propria azienda multifunzionale attraverso la conduzione dell’agriturismo, dove valorizzare appieno le proprie produzioni.
Per la categoria CAMPAGNA AMICA, la finalista regionale è Delia Revelli, “Soc. Agr. San Biagio ”Per la peculiarità dell’indirizzo produttivo aziendale, ovvero l’allevamento di trote iride e la conseguente produzione di trasformati ittici; per l’impegno e la capacità di valorizzare il proprio prodotto attraverso il grande progetto di Campagna Amica, come imprescindibile strumento di commercializzazione di qualità e del vero Made in Italy
Per la categoria IDEANDO, la finalista regionale è Melissa Zola, “Azienda Agricola di Melissa Zola” Per l’idea innovativa, in un territorio in cui l’allevamento delle chiocciole non è ancora così diffuso. Per il coraggio nella scelta aziendale e per il coinvolgimento dei giovani nelle aziende, che, come in questo caso, possono dare un forte slancio nonchè un importante contributo in termini di innovatività.
A PARI MERITO:
Per la categoria IDEANDO, la finalista regionale è Elena Seliak, “Cavallo atleta S.S.A.”
Per l’attenzione alla qualità della vita e al benessere dei capi ippici di proprietà, per la capacità di porre al centro dell’attenzione la salute e la riabilitazione dei cavalli impegnati in attività sportive, nonché per la sensibilità dell’azienda nel predisporre strutture a basso impatto ambientale.
Per la categoria MENZIONE SPECIALE PAESE AMICO, il finalista regionale è Marco Gabusi Sindaco del Comune di Canelli. Per il grande impegno nella valorizzazione del territorio, del Made in Italy, dell’agroalimentare. Per la lungimiranza nell’aver compreso l’importante valore del km 0, come meccanismo di identificazione della vera italianità. Per l’attenzione e la sensibilità nel promuovere il settore vitivinicolo come importante leva turistica per il territorio astigiano
FUORI CONCORSO Premio MASSIMILIANO DE CONCILIO, viene assegnato ad Andrea Adorno, Azienda Agricola Adorno Andrea
Per l’originalità della scelta aziendale, ovvero il gelato di capra km0 per intolleranti e per la particolare attenzione ai consumatori con l’individuazione di un prodotto specifico per gli intolleranti al lattosio. Per la capacità di rimodulare le proprie produzioni aziendali alla luce delle richieste della società e del mondo del consumo, in perfetta coincidenza con la filosofia del grande progetto Campagna Amica.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*