Oscar Green 2013: sul podio, Delia Revelli giovane imprenditrice piemontese COMMENTA  

Oscar Green 2013: sul podio, Delia Revelli giovane imprenditrice piemontese COMMENTA  

Delia_RevelliAgli Oscar Green nazionali per l’innovazione è stata la piemontese Delia Revelli, allevatrice di trote a San Biagio di Mondovì in provincia di Cuneo, a salire sul gradino più alto del podio nella categoria Campagna Amica con la seguente motivazione: “per la peculiarità dell’indirizzo produttivo aziendale, ovvero l’allevamento di trote iridee e la conseguente produzione di trasformati ittici; per l’impegno e la capacità di valorizzare il proprio prodotto attraverso il grande progetto di Campagna Amica, come imprescindibile strumento di commercializzazione di qualità e del vero Made in Italy”.

Presente alla premiazione, Bruno Rivarossa, direttore di Coldiretti Piemonte, ha dichiarato: ”Si tratta di un’azienda agricola che ha saputo coniugare modernità e tradizione in un settore che fino a qualche tempo fa era considerato ai margini della nostra agricoltura. L’imprenditrice cuneese ha saputo elevare la qualità dell’impresa grazie alla professionalità ed all’attaccamento alla progettualità di Campagna Amica e di Coldiretti nella quale ha incarichi di responsabilità del movimento Donne Impresa in provincia di Cuneo”.

Delia laureatasi in economia decide di intraprendere la strada della vendita diretta e della conseguente trasformazione del prodotto. Ecco allora che nascono i filetti di trota affumicata, al moscato, grigliati, il patè di trota, il ragù di trota, il tonno di trota, le guance di trota e tanti altri. Come inizio del percorso di vendita diretta, partecipa ai mercati di Campagna Amica fino a diventare socio fondatore della cooperativa che gestisce la Bottega di Campagna Amica di Fossano.

A premiare la vincitrice sono stati Guido Barilla, presidente della Barilla, Luca Palamara Sostituto Procuratore di Roma, Vittorio Sangiorgio, delegato Coldiretti Giovani Impresa e Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*