L’ ospedale che fa accapponare la pelle COMMENTA  

L’ ospedale che fa accapponare la pelle COMMENTA  

Per 170 anni questa istituzione è stata la più in vista nel bel mezzo di una riserva. La facciata intimidatoria del St. Edmund’s Hospital poteva spaventare anche gli esploratori e i curiosi più coraggiosi. Fu costruita nel 1836 come ospizio per malati mentali e negli anni ’30 fu trasformato in ospedale, ma venne abbandonato nel 1998. Da allora è rimasto vuoto, e lentamente la natura circostante ne ha preso il possesso.  Bisogna essere coraggiosi abbastanza per entrare in questo posto.


 

Many homeless seek shelter within its crumbling walls.

Its windows are smashed and debris litters the floor.

Le finestre sono infrante e ci sono detriti ovunque sui pavimenti. Ma nonostante ciò per anni questo posto è stato rifugio per molti senzatetto.

E’ stato sede di un ospizio per l’igiene mentale e un ospedale, due posti pieni di dolore..

The hospital was bustling for 70 years. However, now it has been vacant for 15.

2

It was both a workhouse and a hospital, two places full of pain.

9

Time and time again, people have attempted to get rid of this workhouse-turned-hospital, but it still stands.

11

12

We're glad. If only we were lucky enough to see it for ourselves.

Con il passare del tempo ci sono stati vari tentativi di abbattere questo ospizio/ospedale, ma sono sempre stati abbandonati..

8

There have been plans to demolish the site, but have since been abandoned.

La pittura sui muri è scrostata e i muri trattengono antichi segreti, ma tutto è ancora lì come il giorno del suo abbandono..

The paint is peeling, the walls hold secrets, but it still stands.

16

Posti abbandonati come questo sono spesso abbastanza misteriosi, ma se sai che un edificio ha avuto una storia tanto disgustosa come quella di un ospizio di igiene mentale e successivamente come un ospedale, deve essere senza dubbio infestato da qualche entità..

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*