Ossitocina, ormone della passione d’amore e della paura COMMENTA  

Ossitocina, ormone della passione d’amore e della paura COMMENTA  

Una recente ricerca della Northwestern University, pubblicata sulla rivista “Nature Neuroscience“, rivela la doppia valenza dell’ossitocina, l’ormone associato all’amore e al desiderio, poichè interviene nella coppia a rendere il sentimento più forte e stabile. Nuovi studi scientifici hanno messo in evidenza l’importanza di questo neurotrasmettitore anche all’origine di emozioni come l’ansia e la paura. La maggior parte delle risposte umane alla paura passa attraverso la regione settolaterale del cervello, in cui appunto è stata riscontrata una maggiore quantità di recettori dell’ossitocina.


A tale ormone, quindi, si ricollegano non solo le sensazioni legate all’amore e alla passione (comprese quelle che scattano nel periodo del parto e nell’allattamento della donna), ma anche quelle negative delle ansie e delle preoccupazioni legate al futuro, per esempio.

Responsabile di tutto ciò è una molecola, denominata Erk, che resta attiva anche per sei ore dopo il verificarsi di un’esperienza negativa. Conoscendo bene la doppia valenza dell’ossitocina, sarà possibile, in futuro, creare trattamenti “ad hoc” per aumentare i livelli di benessere negli individui, neutralizzando le emozioni negative.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*