Padova, padre torturatore arrestato - Notizie.it

Padova, padre torturatore arrestato

News

Padova, padre torturatore arrestato

Storie da far accapponare la pelle, di quelle che suggeriscono, ma ancora non riescono a chiarire, quanto profondo possa essere l’abisso in cui riesce a sprofondare una mente malata.

Che si tratti di una mente malata è fuor di dubbio, anche se chi di dovere accerterà se ci sono gli estremi per l’infermità mentale. La vicenda riguarda un uomo di trentanove anni, sposato e con figli, residente a Padova. Un uomo all’apparenza normale, del quale non sono state rese note le generalità, e che nascondeva, nell’intimità domestica, abitudini del tutto insane. A svelare gli orrori casalinghi è stata, dopo anni, una delle figlie, di sedici anni, che ha contattato il Telefono Azzurro raccontando cosa succedeva in quella casa.

“Ci costringeva a picchiarci tra noi mentre lui guardava” ha detto la ragazza riferendosi al padre, “e se fingevamo, erano cinghiate… Capitava che ci bruciasse con la fiammella dell’accendino sotto le ascelle.

E se si svegliava nel cuore della notte, ci costringeva a fargli da mangiare… Più volte per diverse ore ha chiuso la mamma legata, e anche noi, dentro un armadio…Quando si faceva la doccia, ci costringeva ad asciugargli i piedi. Stavamo per ore in ginocchio per essere frustati e chiamati schiavi e stupidi”.

Un delirio nel quale gli inquirenti sono entrati cercando di mettere ordine, capendo ben presto che le cose erano davvero come sembrava che fossero ad una prima occhiata.

“Un giorno ha legato mani e piedi nostra madre” un altro dei racconti, “l’ha torturata con un cacciavite e le ha passato sulla pelle la fiamma dell’accendino… Un altro giorno ha infilato il collare del guinzaglio al nostro cane e lo ha impiccato al termosifone… E rideva… Faceva tutto questo per divertimento. Per noi c’era una sberla al giorno: voleva sentirsi onnipotente. Quando non sapeva cosa fare diceva: passiamo il tempo… vi picchio”.

Talmente incredibile da non sembrare neppure vero.

L’uomo è già stato messo agli arresti, in attesa di ulteriori approfondimenti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche