Palermo, assolti Capuano e Cicerone per la morte del podista Mutoli

Cronaca

Palermo, assolti Capuano e Cicerone per la morte del podista Mutoli

Il Gip, Fernando Sestito, ha assolto il medico Gesualdo Capuano e il presidente dell’associazione sportiva Asd Fiamma Rossa, Antonino Cicerone, assolvendoli dall’accusa di omicidio colposo per il decesso dell’atleta Vincenzo Mutoli, che perse la vita durante lo svolgimento della maratona del 18 novembre 2012.

In quella occasione si scatenarono le polemiche sulla scarsa tempestività dei soccorsi. Cicerone venne anche accusato di falso in merito al rilascio del certificato di idoneità sportiva rilasciato al podista deceduto, accusa dalla quale è stato assolto con formula piena.

Nel corso del procedimento si è appurato che il servizio di soccorso è stato approntato in modo adeguato, e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia. Entrambi sono stati assolti perchè il fatto non sussiste. La magistratura ha appurato che non c’è relazione tra il decesso del podista e il loro comportamento. Allora le polemiche divamparono per il ritardo dei soccorsi che sarebbero avvenuto solo 8 minuti dopo la manifestazione del malessere da parte di Mutoli.

Leggi anche