Palermo, atto intimidatorio ai danni di un panificio COMMENTA  

Palermo, atto intimidatorio ai danni di un panificio COMMENTA  

Grave atto intimidatorio ai danni di un panificio-pasticceria a pochi giorni dall’apertura dei battenti, che non ha fatto in tempo ad  inaugurare la nuova attività che si è vista recapitare i primi avvertimenti degli aguzzini.

Leggi anche: Tommaso Baldo: muore di infarto a 14 anni

Il fatto sarebbe avvenuto alla Zisa di Palermo, dove ignoti hanno “pensato bene” di dare fuoco alla saracinesca del panificio “Zero Glutine Life”, di recente allestimento e specializzato in prodotti dedicati ai celiaci, in Piazza Principe di Camporeale.

Leggi anche: Terremoto M 3.7 al centro Italia, molte segnalazioni da Teramo e Ascoli Piceno

Gli inquirenti hanno rinvenuto sul posto una bottiglia colma di benzina, i cui effetti avrebbero annerito la nuova saracinesca. Per fortuna l’atto indimitadorio non ha avuto conseguenza per il vano interno del negozio, ma è evidente la natura dolosa e minatoria del vile atto, in una città come quella di Palermo, dove gli atti intimidatori nei confronti di negozi e attività commerciali si stanno moltiplicando in modo esponenziale negli ultimi mesi.

 

Leggi anche

stefano-cucchi
Cronaca

Ilaria Cucchi pubblica la foto di Natale di Stefano, ‘avrai giustizia’

Ha postato una foto natalizia. Ma non è certo uno scatto che porta a sorridere, quello pubblicato poco fa su Facebook da Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, morto il 22 ottobre 2009 durante la custodia cautelare. Da quel giorno Ilaria e la famiglia sono coinvolti in uno dei casi di cronaca giudiziaria più complessi ed intricati degli ultimi anni poichè coinvolge anche agenti di polizia penitenziaria, oltre ad alcuni carabinieri e medici del carcere di Regina Coeli. La foto mostra un sorridente Stefano con indosso un cappello da Babbo Natale, appoggiato al tavolo di fronte all'albero di Natale; nel messaggio Leggi tutto