Palermo, coppia sorpresa a fare sesso al cimitero, denunciati COMMENTA  

Palermo, coppia sorpresa a fare sesso al cimitero, denunciati COMMENTA  

Una coppia di Palermo, è stata sorpresa mentre era intenta a consumare un rapporto sessuale all’interno del cimitero di Santa Maria di Gesù. La coppia è stata scoperta da una pattuglia di agenti di polizia su segnalazione di un guardiano dei Frati minori, che avrebbe chiamato le forze dell’ordine per porre fine alla bizzarra trasgressione dei focosi amanti.

Leggi anche: Jennifer: la ragazza uccisa a coltellate dall’ex a Pescara


La coppia formata da un uomo di 35 anni e una donna di 24, lo scorso 7 luglio, si sarebbe appartata proprio all’interno della struttura cimiteriale per consumare un rapporto sessuale ai piedi di una lapide.

Leggi anche: Straniero violenta bimba di 6 anni: arrestato


All’arrivo degli agenti, i due si sono rivestiti in fretta, giustificando il loro comportamento con la voglia di trasgredire. I due amanti sono stati poi condotti in caserma per ulteriori spiegazioni e poi denunciati per il reato di vilipendio di tombe.

La loro auto è stata posta sotto sequestro poichè sul mezzo già gravava un provvedimento di fermo per violazione del codice della strada.

Leggi anche

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo
Attualità

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo

Una giovane studentessa è stata violentemente  picchiata dalla madre perché non portava il velo .   Accadeva a Udine: la ragazza è stata subito allontanata dai Servizi sociali del Comune e collocata in una struttura protetta, sicura attacchi di ira violenta come quello appena subito. La giovane era stata picchiata dalla mamma  solo non aveva messo il velo islamico, giovane che temeva anche la reazione del padre.  La studentessa era infatti stata  sorpresa dalla madre a scuola, mentre era  senza velo. Una ragazzina di origini nordafricane, una brava studentessa in un istituto superiore di Udine, che è stata allontanata d'urgenza dalla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*