Palermo, Porta Nuova

Cultura

Palermo, Porta Nuova

porta-nuova-palermo1

L’itinerario attraverso i monumenti di corso Vittorio Emanuele ha inizio dalla Porta Nuova, edificata nel 1583, dove passò trionfante Carlo V di ritorno dalle campagne militari di Tunisi. Vi troviamo rappresentati, sulle paraste laterali, quattro Mori prigionieri, esaltazione delle vittorie di Carlo V in Africa. Troviamo anche volute, festoni con putti e mascheroni, che danno all’edificio un’impronta tardo-manieristica. Nel secondo ordine ci sono l’Aquila, emblema della città, e le armi dell’allora vicerè Marcantonio Colonna. Sopra troviamo un loggiato a cinque archi, su esili colonne, che sostiene il cornicione e la balaustra superiore in marmo. Esisteva, a coronamento dell’edificio, una cupola piramidale, che fu distrutta da un incendio nel 1667 e fu ricostruita due anni dopo su progetto di Gaspare Guercio, ricoperta da piastrelle di maiolica. Nel 1647 il senato di Palermo fece costruire due fontane sul lato esterno verso Monreale, tuttavia furono eliminate nella prima metà del XIX secolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche