Palermo: Pronto Soccorso di Villa Sofia, tra bravi professionisti e scarsa organizzazione

Palermo

Palermo: Pronto Soccorso di Villa Sofia, tra bravi professionisti e scarsa organizzazione

Il Pronto Soccorso di Villa Sofia, si trova nella parte “nuova” di Palermo, nella zona di piazza Alcide de Gasperi. Ha un bacino di utenza molto vasto, ma ciò non deve in alcun modo costituire un alibi per la scarsa efficienza del servizio reso. Non voglio criticare l’operato dei singoli,medici e infermieri, ma vorrei evidenziare che se ci fosse un’organizzazione ben strutturata le cose funzionerebbero sicuramente meglio. Infatti non v’è dubbio che la preparazione del personale è cmq d’eccellenza, ma è la modalità con cui vengono gestite le singole professionalità che sono da contestare.

In tutti i sistemi che si rispettino, la suddivisione di compiti e responsabilità stanno alla base della struttura. Non è pertanto accettabile il “rimpallo” dei pazienti da un reparto al Pronto Soccorso per mancanze burocratiche o assenza di analisi indispensabili nell’anamnesi. Non è accettabile che i malati siano parcheggiati nei corridoi interni senza indicazioni precise su cosa li aspetta.

Inoltre la funzione di vigilanza e controllo al fine di rispettare le regole della struttura così ben evidenziate dai cartelli in sala d’aspetto è inesistente. Un continuo via vai di persone che entravano ed escono senza che nessuno verificasse la regolarità della loro presenza nel reparto. Più accompagnatori per ogni malato all’interno dei corridoi nonostante fosse l’esatto opposto delle regole imposte. E poi ancora ritardi nella consegna delle analisi che ormai sono computerizzate, ma che riescono lo stesso a “smarrirsi”, derisione di persone con evidenti disturbi mentali da parte del personale preposto a mantenere l’ordine e il silenzio del Pronto Soccorso e così via.

Gli utenti riescono a comprendere e accettare l’attesa dovuta al numero incredibilmente elevato di utenti che necessità aiuto, ma è intollerabile il disservizio reso dalle carenze organizzative.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...