Palloncini bianchi per Haiti: un minuto di silenzio

Ambiente

Palloncini bianchi per Haiti: un minuto di silenzio

Tutti ricordiamo il 12 gennaio 2010, quando il terremoto ad Haiti ha messo in ginocchio l’intero Paese, provocando oltre 200 mila morti e un milione di sfollati.

Ecco perchè oggi alle h 16,53 (ora locale – h 22,53 in Italia), gli haitiani osserveranno un minuto di silenzio in memoria delle vittime e libereranno nel cielo dei simbolici palloncini bianchi. Le cerimonie di commemorazione, iniziate ieri, proseguiranno tutto il giorno presso la cattedrale di Port-au-Prince.

Iniziativa doverosa per ricordare ma anche per incoraggiare la popolazione che, a due anni esatti dal triste avvenimento, purtroppo non ha visto miglioramenti: circa 800.000 persone si trovano ancora nei campi profughi, e l’epidemia di colera scoppiata a causa delle scarse condizioni igieniche createsi dopo il sisma, ha colpito finora più di 3.700 vittime.

Medici senza frontiere denuncia a questo proposito: “molti haitiani non hanno accesso a cure mediche d’urgenza e il colera è in agguato”, e ancora: “centinaia di migliaia di persone vivono ancora in condizioni terribili in accampamenti di fortuna.

L’accesso all’acqua potabile e a strutture igieniche adeguate è molto limitato in tutto il Paese, soprattutto nelle aree rurali e remote. Questa situazione favorisce la diffusione di malattie infettive”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche