Inchiesta Pantani, ricorso in Cassazione: vogliamo la verità

Sport

Inchiesta Pantani, ricorso in Cassazione: vogliamo la verità

marco pantani

La notizia dell’archiviazione dell’inchiesta bis sulla morte di Marco Pantani provoca la reazione dei familiari: la verità non ce l’hanno ancora detta.

A più di 12 anni dalla morte si parla ancora di Marco Pantani: ricorso in Cassazione per portare avanti l’inchiesta sulla scomparsa del Pirata.

Archiviata l’inchiesta bis sulla morte di Pantani

La Procura di Rimini ha deciso due giorni fa per l’archiviazione dell’inchiesta bis relativa alla morte di Marco Pantani, avvenuta il 14 febbraio del 2004. Secondo il pm, la morte avvenne per overdose e non ci sarebbero gli estremi per portare avanti le indagini.

Ricorreremo in Cassazione. Mamma Tonina: “chi sa deve parlare”

La reazione di Tonina Pantani, madre del ciclista, e del legale di famiglia, l’avvocato Antonio De Rensis, non si è fatta attendere. “Ricorreremo in Cassazione” ha spiegato De Rensis, “e lo faremo per illogicità delle motivazioni. Dopo anni di attesa ci ritroviamo con argomentazioni che ci lasciano basiti”.

“Non chiedevamo che ci dessero ragione” ha proseguito l’avvocato, “chiedevamo di sapere la verità, e la verità ancora non ce l’hanno detta”.

Lapidario il commento di Tonina Pantani. “Il caso chiuso mi ha fatto infuriare. Più mi scontro con situazioni come queste, più mi viene voglia di andare avanti. Non ci fermeremo: voglio la verità. Spero che ora qualcuno dica quello che sa“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche