Papa Francesco a Sarajevo: messaggio di pace sotto le minacce dell’Is

News

Papa Francesco a Sarajevo: messaggio di pace sotto le minacce dell’Is

Inizia oggi 6 giugno la visita apostolica di Papa Francesco in Bosnia, anticipata qualche giorno fa da un video messaggio, destinato alle popolazioni della zona.

Il messaggio era e rimane chiaro: “vengo tra voi, con l’aiuto di Dio, per confermare nella fede i fedeli cattolici, per sostenere il dialogo ecumenico e interreligioso, e soprattutto per incoraggiare la convivenza pacifica nel vostro Paese. Vi invito ad unirvi alle mie preghiere, affinché questo viaggio apostolico possa produrre i frutti sperati per la Comunità cristiana e per l’intera società”.

Parole scelte non a caso, in occasione di una visita di alto valore simbolico, a venti anni esatti dalla strage di Srebrenica e dalla fine del conflitto nei Balcani in forza degli accordi di Dayton, e con l’intenzione di rinnovare la vicinanza del Vaticano alle popolazioni della zona.

Ma l’importanza del momento non è sfuggita neppure ai miliziani dello Stato Islamico, che hanno diffuso in queste ore un video di quasi venti minuti in cui minacciano di voler “vendicare l’umiliazione subita dai musulmani in Kosovo, in Albania e in Macedonia”, incitano i popoli musulmani dei Balcani a prendere le armi contro l’Occidente (“uccidete i miscredenti ovunque essi siano”) e lanciano la minaccia di arrivare “con gli esplosivi”.

La questione dei Balcani, sempre cruciale nella storia del vecchio continente, potrebbe ritornare attuale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...