Papa Francesco: viaggio in India e Bangladesh nel 2017

Cultura

Papa Francesco: viaggio in India e Bangladesh nel 2017

Papa Francesco: viaggio in India e Bangladesh nel 2017
Papa Francesco: viaggio in India e Bangladesh nel 2017

Continuano i viaggi di Papa Francesco nelle zone più remote del mondo: nel 2017 sarà la volta di India e Bangladesh. Ancora ignote le date precise

Parlando dei prossimi viaggi durante il volo di ritorno da Baku a inizio ottobre, papa Francesco ha detto che «quasi sicuramente» nel 2017 farà tappa in India e Bangladesh.

Ad annunciarlo è stato lui stesso durante la classica conferenza stampa al termine del viaggio apostolico che a inizio ottobre l’ha portato in Georgia e in Azerbaijan. Già qualche giorno prima – in una lettera inviata ai suoi cari fedeli argentini – aveva anticipato che non sarebbe riuscito a recarsi nel suo Paese natale neanche nel 2017, avendo intendendo invece privilegiare l’Asia e l’Africa come mete. «Andrò quasi di sicuro in India e Bangladesh – ha detto -. In Africa non è certo, dipende molto dalla situazione politica e dalle guerre».

Papa Francesco già diversi mesi fa era stato invitato ufficialmente in India dal presidente Narendra Modi.

La Chiesa cattolica indiana aveva sperato fino all’ultimo che il Papa potesse celebrare proprio a Calcutta la canonizzazione di Madre Teresa, che invece è avvenuta a Roma il 4 settembre scorso. È quindi assai probabile dunque che Francesco faccia tappa proprio sulla tomba della religiosa che ha fatto santa nel cuore del Giubileo.

Un po’ a sorpresa – invece – è giunta anche la notizia secondo cui il viaggio del Papa dovrebbe toccare anche il Bangladesh. Come è noto, infatti, proprio il Bangladesh è scosso da tempo da gravi tensioni politiche e i gruppi jihadisti locali hanno seminato violenza in scontri che hanno coinvolto anche la comunità cristiana. Tra gli episodi più gravi – nel novembre 2015 – l’attentato a Dinajpur dove è rimasto ferito padre Piero Parolari, missionario del Pime. La presenza di Francesco a Dhaka diventerebbe un segno di pace importante per tutta l’Asia, e un gesto di vicinanza alla comunità cristiana in una delle frontiere più difficili oggi nel mondo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Modestino Picariello 727 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+