Papa Francesco parla delle apparizioni: alla fede non servono veggenti

News

Papa Francesco parla delle apparizioni: alla fede non servono veggenti

Papa Francesco parla di nuovo di apparizioni e veggenti all’omelia della messa a Santa Marta e critica “quelli che sempre hanno bisogno di novità dell’identità cristiana e hanno dimenticato che sono stati scelti, ‘unti’; quelli che hanno la ‘garanzia’ dello Spirito”. afferma, con un interrogativo ironico, quelli che si chiedono: ‘Ma dove sono i veggenti che ci dicono oggi la lettera che la Madonna manderà alle 4 del pomeriggio?’. “Questa non è identità cristiana – sottolinea il Papa – L’ultima parola di Dio si chiama Gesù e niente di più”.

Sull’aereo che lo riportava da Sarajevo aveva già annunciato che presto avrebbe fatto conoscere l’orientamento della Chiesa sulle apparizioni di Medjugorje. In attesa del verdetto della Congregazione per la dottrina della fede, però, nell’omelia odierna durante la messa a Santa Marta, Papa Francesco è parso fare chiaro riferimento a ciò che è accaduto al santuario mariano bosniaco.

“Sul problema di Medjugorje Papa Benedetto XVI, a suo tempo, aveva fatto una commissione presieduta dal cardinale Camillo Ruini; c’erano anche altri cardinali, teologi e specialisti lì. Hanno fatto lo studio e il cardinale Ruini è venuto da me e mi ha consegnato lo studio, dopo tanti anni, non so, 3-4 anni più o meno. Hanno fatto un bel lavoro, un bel lavoro. Il cardinale Mueller (prefetto della congregazione per la dottrina della fede, ndr) Mi ha detto che avrebbe fatto una ‘feria quarta, ossia un’apposita riunione, in questi tempi”aveva spiegato il Papa di ritorno da Sarajevo, intrattenendosi con i giornalisti. Infine aveva concluso: “Siamo lì lì per prendere delle decisioni. Poi si diranno. Per il momento si danno soltanto alcuni orientamenti ai vescovi, ma sulle linee che si prenderanno”.

Per gli stessi motivi, che hanno indotto qualche osservatore a ritenere che sia vicina un’apertura vaticana sulle controverse apparizioni del Santuario, dove tre dei sei veggenti sostengono di vedere la Madonna tutti i giorni, oggi è stato annullato anche l’incontro pubblico, a Sestola (Modena), con la veggente di Medjugorje, Vicka Ivanovic. L’arcidiocesi di Modena ha diffuso una notizia per chiarire i motivi dell’annullamento, deciso dagli organizzatori dell’evento “di comune accordo con la sig.ra Ivankovic”, dopo che è stato loro ricordato, “su avviso della congregazione per la dottrina della fede, che fino a ogni ulteriore disposizione da parte della Santa Sede ci si deve attenere a ciò che è stato stabilito dai vescovi dell’ex Jugoslavia nella dichiarazione di Zara del 10 aprile 1991: ‘sulla base delle ricerche finora compiute, non è possibile affermare che si tratti di apparizioni o di rivelazioni di natura soprannaturalè”. Pertanto “non è consentito al clero e ai fedeli di nessuna diocesi di partecipare a incontri o celebrazioni pubbliche nelle quali verrebbe data per scontata la loro attendibilità”.

Ma nei passaggi dell’omelia mattutina, il Pontefice – riferisce Radio Vaticana – ha allertato da chi vuole trasformare il cristianesimo in una “bella idea”, come chi ha invece sempre bisogno “di novità dell’identità”. Non “annacquare”, ha detto Francesco, l’identità cristiana in una religione “soft”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...