Papa Francesco rifiuta assegno per la presenza del numero del diavolo COMMENTA  

Papa Francesco rifiuta assegno per la presenza del numero del diavolo COMMENTA  

Papa Francesco
Papa Francesco

Papa Francesco rifiuta l’assegno del governo che riportava il numero diabolico per eccellenza: 666. Non vuole strumentalizzazioni.

Papa Francesco rifiuta l’assegno del governo argentino a causa del fatto che nella cifra è riportato il numero del diavolo, il 666. Sebbene le somma fosse considerevole, Bergoglio non ha voluto sentire ragioni, anche se si trattava di una generosa donazione.

Leggi anche: 10 film da vedere in coppia a San Valentino


Ma la motivazione è lineare: il Pontefice vuole rifuggire qualsiasi strumentalizzazione e qualsiasi rapporto con Mauricio Macri, il nuovo presidente argentino.

Poche settimane fa il governo erogava 16 milioni e 666 mila pesos, che corrispondono a circa 1 milione di euro a “Scholas Ocurrentes”. Questo è il nome della Fondazione internazionale di diritto pontificio promossa circa un anno fa da Papa Francesco per facilitare l’integrazione sociale.

Leggi anche: 10 novembre: Ennio Morricone compie 88 anni


Bergoglio avrebbe infatti chiesto ai suoi responsabili di declinare l’offerta, sostenendo che “Il governo argentino deve rispondere a tante necessità del popolo, non avete diritto di chiedergli un centesimo”.


Questo il commento del Pontefice latino americano per una donazione dietro la quale ha sentito lo zampino del diavolo.

La semplicità e la trasparenza di questo Papa interessato alle priorità dei più deboli e sfortunati alle volte lascia i fedeli basiti, forse troppo abituati a anni e anni di silenzi e omissioni venuti a galla solo recentemente.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

terremoto amatrice
Cronaca

Terremoto M 3.7 al centro Italia, molte segnalazioni da Teramo e Ascoli Piceno

Dopo i terremoti intensi registrati tra California, Cina e isole Salomone, anche l'Italia torna a tremare. E' accaduto poco fa nel centro Italia, a poca distanza dall'epicentro dei terremoti che hanno sconvolto il Paese tra agosto ed ottobre. Qui insiste dal 24 agosto uno sciame sismico incessante, caratterizzato da decine di migliaia di terremoti, alcuni dei quali piuttosto intensi. Come quello di poco fa, un sisma significativo di magnitudo 3.7 che ha avuto il suo epicentro nell'area appenninica del centro italia, tra le province di Ascoli Piceno e Teramo, al confine tra Abruzzo e Marche. Proprio da qui sono giunte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*