Papilloma virus: l’età giusta per il vaccino

Salute

Papilloma virus: l’età giusta per il vaccino

PAPILLOMA VIRUS.
PAPILLOMA VIRUS.

Che cos’è il Papilloma Virus? Come si contrae e che cosa provoca? Scopriamo insieme l’età giusta per il vaccino contro il Papilloma Virus.

Per “Papilloma Virus” o “HPV” intendiamo un virus che viene infettato per via sessuale e che fa parte della famiglia dei Papillomaviridae. L’infezione da Papilloma Virus si contrae in luoghi pubblici come bagni pubblici non disinfettati e attraverso contatto cutaneo e rapporto sessuale. L’infezione da Papilloma Virus riguarda soprattutto la fascia d’eta tra i 20 e i 35 anni, soprattutto se si hanno vari partner sessuali e tutte quelle popolazioni dove ci sono zone precarie di igiene. L’infezione può essere contratta anche utilizzando il preservativo poichè molti casi si sono riscontrati nel contatto con il perineo.

L’infezione da Papilloma Virus solitamente è asintomatica ma in alcuni casi con la presenza di condilomi acuminati nella sede dei genitali esterni come perineo, vulva e pene.

Per quanto riguarda le lesioni interne come nell’utero si possono riconoscere attraverso l’esame del Pap Test e la colposcopia o penescopia se si tratta di lesioni sul pene. L’infezioni nella maggior parte dei casi si risolve da sola e non provoca nessuna alterazione nel corpo. Nei casi più gravi invece si possono riscontrare lesioni nel collo dell’utero che possono provocare forme tumorali se non curate.

Dal 2006 l’EMEA (European Medicines Agency) e AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) hanno deciso di autorizzare la vaccinazione contro Papilloma Virus in modo gratuito e non obbligatorio per le bambine fino ai 12 anni di età. Il vaccino è molto importante per la prevenzione contro il cancro al collo dell’utero. Il vaccino però è molto utile anche per le donne tra i 26 e i 45 anni di età. L’importanza del vaccino è quella di proteggere dalla malattia prima che venga contratta e per questo si è spesso aperto un dibattito sulla possibilità di vaccinare le bambine sotto i 12 anni, prima dell’inizio dell’attività sessuale.

Alcuni invece invece hanno affermato che il vaccino dovrebbe esse iniettato dai 16 anni in su, durante l’adolescenza.

Il vaccino si somministra attraverso via muscolare nella spalla (Deltoide) per un ciclo di tre dosi, con richiamo dopo 30 e 90 giorni dalla prima iniezione. Inoltre il vaccino non va somministrato durante la gravidanza e nelle persone allergiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche