Parigi, condominio in fiamme, 8 morti, incendio forse doloso

News

Parigi, condominio in fiamme, 8 morti, incendio forse doloso

Rue Myrha, 4, zona settentrionale di Parigi, diciottesimo arrondissement, quartiere Goutte d’Or.

Montmartre non è lontana, ma questa zona della capitale francese è quanto di più diverso possa esistere rispetto a una meta per turisti. Solo immigrati o figli di immigrati, un ghetto del nuovo millennio, come tanti se ne formano nelle grandi città europee, con quelle italiane che, di sicuro, non fanno eccezione.

Verso le due e mezza di notte, i vigili del fuoco intervengono per spegnere un principio di incendio innescatosi al piano terra di un condominio di 6 piani situato, appunto, in Rue Myrha 4. Le fiamme hanno un’estensione contenuta, provengono da un rogo di mucchi di carta e sono domate senza troppi problemi dai pompieri che, convinti di avere risolto la questione, si allontanano.

Ma, un paio d’ore dopo, sono richiamati nel medesimo posto, dove, però, trovano un incendio di ben altra dimensione, che coinvolge tutto l’edificio.

Dalle ricostruzioni fatte finora, sembra che l’incendio sia partito ancora dal piano terra e si sia propagato attraverso il corpo scale.

L’intervento è rapido e incisivo, porta al salvataggio di sette persone, ma lo stato dell’incendio è tale che, in alcune zone, ormai non è più possibile arrivare. Bilancio finale: 8 morti, di cui 2 bambini, e 4 feriti.

Il ministro degli Interni francese Bernard Cazeneuve, recatosi sul posto, ha chiarito che “per il momento è troppo presto per determinare le cause di questo dramma”, ma sembra stia prendendo corpo l’ipotesi di un atto doloso, forse nell’ambito di un regolamento di conti fra bande rivali.

1 Trackback & Pingback

  1. Parigi, condominio in fiamme, 8 morti, incendio forse doloso | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Woodcock
Attualità

Consip: Procura di Roma indaga pm Woodcock

28 giugno 2017 di Ilaria Ferrario

La Procura di Roma ha accusato il pm di Napoli Henry John Woodcock di violazione di segreto d’ufficio, in ambito dell’inchiesta Consip. Coinvolta nel caso anche la giornalista e conduttrice Federica Sciarelli.