Passera: “Sì alla Tav per un Europa più forte” COMMENTA  

Passera: “Sì alla Tav per un Europa più forte” COMMENTA  

I “No Tav” dovranno rassegnarsi. La linea ad alta velocità tra Torino e Lione s’ha da fare e non ci sarà nessuna protesta che terrà.

Lo ha detto Corrado Passera che, durante una conferenza stampa per illustrare i costi e i benefici del progetto Tav, ha spiegato perché l’opera è prioritaria: “La linea ad alta velocità Torino-Lione – ha detto il ministro dello sviluppo economico – è un’opera del tutto trasparente e prioritaria.

In pochi casi in passato c’è stata tanta trasparenza dietro ad un progetto e in altrettanti rari casi si sono accolti tanti suggerimenti per la realizzazione.

E’ stato dato il via ad un progetto che ha tutte le ragioni per essere sostenuto e che ha una forte valenza. Quest’opera è determinante per completare altre opere e dal punto di vista economico e dei cittadini serve a costituire un’Europa più forte.

L'articolo prosegue subito dopo

Con questo corridoio colleghiamo un pezzo fondamentale dell’Unione Europea. Un’opera che interessa fortemente sia all’italia che alla nostra concorrenza che proviene in larga parte dallo scambio merci. Non c’è dubbio che sul piano strategico il progetto del corridoio Tav va premiato ed accelerato, poichè è centrale nello scambio merci tra Italia ed Europa. Quando si prende una decisione bisogna essere responsabili e dire ‘andiamo fino in fondo”. Ad oggi il tunnel del Frejus è inadeguato: “E’ un punto di debolezza per l’Italia, le critiche al progetto tav sono inaccettabili. Sarebbe come confrontare una macchina da scrivere con un personal computer. Se la galleria del Frejus è da anni a senso unico alternato ed ha costi maggiori si capisce bene che c’è bisogno di fare di più. Al contrario se non ci fossimo mossi saremmo potuti essere criticabili”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*