Pasta e ceci

Casa

Pasta e ceci

Stanche da una giornata di lavoro? Fuori fa freddo e tornate a casa non sapete cosa cucinare? Oggi vi do alcuni spunti per preparare un piatto tradizionale semplice e gustoso: Pasta e ceci.

Innanzitutto per chi non lo sapesse, i ceci sono i semi di una pianta erbacea annuale della famiglia delle Leguminose, originaria del Medio Oriente che si è poi diffusa in India e in Cina. Generalmente in cucina si possono usare i ceci secchi la cui preparazione è piuttosto lunga, in quanto vanno lasciati in ammollo dalle 8 alle 24 ore e per poi cuocerli in un tegame per almeno 3 ore, o nella pentola a pressione da un’ora a un’ora e mezzo, meglio se a fuoco lento. Oppure si utilizzano i ceci in scatola, molto più veloci da preparare, poiché non richiedono ammollo (in quanto già lessati), e si cucinano molto velocemente.

Ecco a voi alcuni spunti dal web che ho trovato molto interessanti:

Pasta e ceci al profumo di alloro

Ingredienti (per 4 persone): 4 manciate abbondanti di Ceci secchi; 120 g di ditaloni; brodo vegetale q.

b.; scalogno; 2 carote; 2 foglie di alloro; un pezzetto di capocollo; olio e pepe. Mettete a bagno i ceci per almeno 18 ore ricambiando l’acqua un paio di volte: devono gonfiarsi molto. Per accorciare i tempi vanno benissimo anche i ceci precotti in vetro o in lattina: scolateli, sciacquateli dal loro liquido. Trascorso il tempo preparate la ricetta: in un pentolino mettete un goccio di olio e fate un soffritto con lo scalogno, la carota tagliata finissima e l’alloro. Fate insaporire qualche minuto dopodiché aggiungete i ceci scolati, il capocollo e abbondante brodo vegetale: fate cuocere il tutto per 3 ore circa, fino a quando i ceci saranno morbidi e il liquido raddensato (i tempi si riducono ovviamente se avete usato quelli precotti). La pasta e ceci deve risultare corposa, abbastanza densa. A questo punto versate i ditaloni e portate a cottura. Servite con dell’olio a crudo e una macinata di pepe nero.
Pasta e ceci alla Toscana
Ingredienti (per 4 persone): 200 g di ceci; 250 g di pomodori pelati; 150 g di tagliatelle all’uovo; formaggio grattugiato; 1 spicchio d’aglio; 1 rametto di rosmarino; olio, sale e pepe.

Preparate i ceci come nella ricetta precedente. A metà cottura toglietene tre mestoli, frullateli e poi versate di nuovo nella pentola. In un tegame insaporite un po’ d’olio, l’aglio schiacciato e il rosmarino, quindi aggiungete i pomodori. Dopo 10 minuti spegnete, eliminate l’aglio e versate questa salsa nella pentola dei ceci. Mescolate e regolate, se necessario, il sale. Spezzettate le tagliatelle e cuocetele insieme ai ceci. A cottura ultimata versate nella zuppiera, conditela con un cucchiaio d’olio, il formaggio grattugiato e il pepe.
Pasta e ceci con le vongole
Ingredienti (per 4 persone): 250 grammi di cannolicchi rigati; 500 grammi di vongole veraci; 400 grammi di ceci già pronti; 2 cucchiai di conserva; 2 acciughe dissalate; 2 spicchi d’aglio; peperoncino quanto basta; 1 rametto di rosmarino; olio e.v.o. quanto basta. In una padella capiente soffriggere brevemente uno spicchio d’aglio tagliato in due con qualche cucchiaio d’olio, un pezzetto di peperoncino, la conserva e le acciughe; quindi unire i ceci scolati e sciacquati, salare e lasciar insaporire per qualche minuto a fuoco basso.

Dopo aver eliminato l’aglio, passare la metà dei ceci nel mixer per ridurli alla consistenza di una crema quindi rimetterli nella pila insieme ad acqua quanta basta per quattro porzioni di minestra (sappiatevi regolare), il rametto di rosmarino e lasciar cuocere ancora qualche minuto. In un altro recipiente disporre con due cucchiai d’olio il secondo spicchio d’aglio ed un altro pezzetto di peperoncino e farvi aprire le vongole a fuoco vivace; sgusciare le vongole e lasciarle da parte insieme al loro liquido di cottura filtrato per eliminare eventuali impurità. Unire le vongole con il loro liquido alla minestra, eliminare il rosmarino, portare ad ebollizione e cuocervi i cannolicchi.
E voi come la preparate? Condividete e fatemi sapere i vostri segreti in cucina!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*