Pd e Forza Italia insieme per arginare Grillo: tutt’altro che impossibile COMMENTA  

Pd e Forza Italia insieme per arginare Grillo: tutt’altro che impossibile COMMENTA  

Tutti contro Grillo: questo potrebbe essere il leit motiv della futura politica italiana. Sarà questo il nuovo bipolarismo che caratterizzerà la nuova politica italiana ? A leggere dietro le dichiarazioni rilasciate ieri da Beatrice Lorenzin pare proprio di si.

Leggi anche: Chi è Alfio Marchini candidato sindaco elezioni comunali Roma

Alfio Marchini, il probabile candidato di Forza Italia al comune di Roma, potrebbe mettere d’accordo tutti.

Il ministro della sanità ha dichiarato infatti, che per poter portare a casa il futuro sindaco di Roma, Pd e Forza Italia dovranno coalizzarsi attorno alla figura di Marchini, per evitare di essere spazzati via dal M5S, che nei sondaggi continua a erodere consenso a destra e a manca, e che a Roma viene dato come favorito assoluto per la carica di primo cittadino della capitale.

Leggi anche: Berlusconi ritira la candidatura di Bertolaso a sindaco di Roma: si punta su Marchini

Pd e Forza Italia potrebbero appoggiare Alfio Marchini. Sennò vince il M5S’ ha esclamato candidamente Beatrice Lorenzin. Un’indicazione che arriva da un ministro della Repubblica, esponente illustre del governo e del Nuovo Centrodestra che insieme al Partito Democratico forma la maggioranza di governo. 

Impedire che Grillo e i suoi ragazzi possano mettere le mani sulle leve del potere sarà il vero imperativo categorico che potrebbe unire destra e sinistra in futuro, e creare le premesse per formare quel partito della Nazione che coalizzerà tutte le grandi figure che si sono date battaglia negli ultimi 20 anni, da Berlusconi a Renzi, da La Russa e Meloni, a Vendola e Franceschini.

Anche se, stando alle recenti dichiarazioni della Meloni, Marchini non sarà il suo candidato a sindaco, come avrebbe rivelato la stessa deputata a Berlusconi, dimostrando di non condividere la scelta operata dal centro destra.

L'articolo prosegue subito dopo

Il nostro candidato a Roma sarà Alfio Marchini – aveva dichiarato con risolutezza  il Cavaliere il 31 ottobre in un’intervista a La Repubblicalui comunque si candida, proporre un nostro nome alternativo porterebbe a una sconfitta certa. Anche a Milano abbiamo individuato una figura fuori dalla politica, di alto profilo, l’ho proposta a Salvini e mi sembra d’accordo. Lo presenteremo a giorni‘.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Pd e Forza Italia insieme per arginare Grillo: tutt’altro che impossibile | Braincell

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*