Pedofilia: la denuncia è un dovere morale ma non giuridico COMMENTA  

Pedofilia: la denuncia è un dovere morale ma non giuridico COMMENTA  

Si sono rese note le linee guida da seguire per i preti pedofili: dopo un’indagine per capire se è avvenuto realmente un rapporto tra il prete e un minore, le direzioni sono due: il completo divieto all’uomo di chiesa di entrare in contatto con i bambini, oppure (nei casi più gravi) le dimissioni dallo stato clericale.

Leggi anche: Cosa succede adesso dopo la vittoria del no


pedofilia-chiesa

Ma il punto più strano è che il vescovo, venuto a sapere del fatto e confermato che è realmente avvenuto, ha il dovere morale di fare la denuncia, ma non quello giuridico. Questo significa che il prete potrebbe anche continuare la sua vita come se nulla fosse, senza che la Polizia o i Carabinieri sappiano di quanto avvenuto.

Leggi anche: Referendum: primi dati dopo il voto


Un modo, quindi, per proteggere la Chiesa dalla critiche e dagli scandali, senza che la vittima possa chiedere giustizia per quanto subito.

di Alessandro Bovo

Leggi anche

uomo-gaurda-tv-2
News

Vedovo scopre moglie defunta in tv, ma la realtà è diversa

Vicenda shock in Inghilterra, raccontata dal tabloid Mirror.  Un uomo, Mohamed Abragh, originario di Casablanca, in Marocco, ha creduto per due anni di aver perso la moglie in un terribile incidente stradale, dove l’auto ha preso fuoco e così pure il corpo della donna. Senonchè il “vedovo” ha rivisto quest'ultima in tv appunto due anni dopo in un noto programma televisivo che cerca di far riunire dopo tanto tempo parenti o persone care : la presunta vittima dell'incidente era infatti ospite nel tentativo di ritrovare suo marito, dopo aver probabilmente perso la memoria e aver vissuto una serie di equivoci. L'uomo non aveva potuto scoprire che a morire Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*